Crisi di governo, 3 domande a Massimo Giannini

di Capital Web

Edoardo Buffoni al TG Zero ha rivolto al direttore de La Stampa Massimo Giannini 3 domande sulla crisi di governo in atto.

Edoardo Buffoni: “Tante persone vogliono capire, distratte probabilmente dai pressanti problemi che abbiamo tutti nella vita quotidiana poiché non è un’estate normale, che succede a Palazzo Chigi

Massimo Giannini: “Da quel poco che so o tanto che so a seconda dei punti di vista, è difficile capire. È un momento talmente complesso che anche gli interlocutori politici sono abbottonatissimi, Palazzo Chigi su tutti. Se partiamo proprio da lì, la sensazione è che per Draghi nulla sia cambiato, quello che doveva dire e quello che doveva decidere lo ha già detto e lo ha già deciso. Sono venuti a mancare i voti di fiducia del Movimento 5 Stelle, ancorché la fiducia alla fine sia passata perché i numeri c’erano quindi, come ha detto e scritto nel comunicato, “la maggioranza politica di questo governo di unità nazionale non c’è più e perciò mi dimetto”

Perché Mattarella ha rifiutato le dimissioni di Mario Draghi

Edoardo Buffoni: “Però Mattarella ha detto di no”

Massimo Giannini: “Mattarella ha rifiutato le sue dimissioni per una doppia ragione. La prima è che, anche in parte in distonia rispetto a Draghi, vuole evitare ad ogni costo le elezioni anticipate. Il secondo aspetto è che Mattarella, per correttezza istituzionale, vuole parlamentarizzare la crisi perché allo stato attuale il governo non ha avuto la sfiducia anzi, la fiducia è passata e anche con più di 170 voti. Sul piano formale non ci sono ragioni per dimettersi per cui, se si vuole dimettere, deve ritornare in aula e farsi sfiduciare. Per questo Mattarella non ha accettato le sue dimissioni. Insieme a questo però c’è anche la pressione che è di Mattarella ma non solo, è quello che sta succedendo nel Paese ma anche nel resto d’Europa: tutti premono per cercare di convincere Draghi a ripensarci. Stiamo vedendo le cancellerie internazionali, da quella tedesca a quella francese, tutti dicono che l’Italia non può permettersi di rinunciare a una risorsa come Draghi. La stessa cosa sta facendo il PD però ci sono due incognite”

Leggi anche:  M5s, Conte vuole più fondi per i poveri e la pace. Altrimenti via dal governo

Le incognite

Edoardo Buffoni: “E quali sono queste incognite?”

Massimo Giannini: “La prima è naturalmente il Movimento 5 Stelle”

Edoardo Buffoni: “che infatti si sta riunendo a più riprese”

Massimo Giannini: “Oggi non so più neanche valutare questi organismi, non ne conosco neanche più la formazione, è veramente una roba da setta. Però, di fondo: è disponibile il M5S, dopo quello che ha combinato, a fare un passo indietro e a rivotare la fiducia a Draghi andando avanti come se nulla fosse? A me sembrerebbe un po’ strano almeno per la parte Conte Senato, perché poi alla Camera i 5 Stelle hanno un’altra disponibilità, ce l’avevano anche sul decreto aiuti a dire la verità. La seconda incognita è la destra, di quello bisogna tener conto. Oggi Forza Italia e Lega dicono che non ci sarà mai più un governo con i 5 Stelle e questo dimostra e conferma che loro puntano alle elezioni, perché dire una cosa del genere significa dire al PD che qualora volesse fare un governo lo dovrebbe fare solo con loro. Penso che fin lì il PD, per quanto sia governista e responsabile, non ci arriverà. Quindi il rischio che si vada a votare c’è”

Leggi anche:  ATP Challenger: semifinale per Nardi a Forlì e per Agamenone e Caruso a Bendingo

La questione del termovalorizzatore

Edoardo Buffoni: “Abbiamo visto tutti i provvedimenti che ci sono nel decreto aiuti, un decreto che dà varie cose e ne modifica alcune. Molte persone che ci scrivono non capiscono se sia veramente la questione del termovalorizzatore di Roma ad aver rotto gli equilibri, risulta difficile capire che sia quello il casus belli”

Massimo Giannini: “È un tema sul quale si interrogano non solo gli italiani ma una parte degli stessi 5 Stelle. Tutto questo casino solo per il termovalorizzatore? Nello specifico si. Dopodiché Conte nel motivare il no a quella fiducia ci ha messo dentro tante altre cose sul salario minimo, le politiche sociali, sul reddito di cittadinanza, sul super bonus, quello è l’altro grande tema di discussione sul quale però Draghi aveva fatto delle aperture. Alla fine il vero problema, se la guardiamo dal punto di vista dei 5 Stelle, è che loro stanno perdendo la loro base elettorale, hanno perso 8 milioni di voti rispetto al 2018. E quindi pensano che tornare allo stato brado, liberi e irresponsabili all’opposizione, possa far sì che riconquistino consensi. Vero o falso non lo so, certo è che se questo avviene a spese e sulle spalle del Paese perché c’è da fare la legge di stabilità in autunno, portare a casa l’ultima tranche del PNRR, c’è da fare la legge sulla concorrenza, l’inflazione, la guerra, il covid… Si può andare a votare in queste condizioni? Poi dicono che la Francia ci è andata, che anche in Inghilterra si è dimesso Boris Johnson, ma noi non siamo né la Francia né l’Inghilterra. La prossima settimana si riunirà la BCE che deciderà un aumento dei tassi di interesse, smette di comprare i titoli di Stato come fece Mario Draghi ai tempi del whatever it takes (cosa che ha salvato l’Italia), non comprerà più i titoli di Stato del debito sovrano dei Paesi dell’eurozona. Noi come facciamo se scatta un fenomeno di instabilità e di attacco speculativo? L’Italia non ha difese e questo è un problema.”

Leggi anche:  Il flop del concorso alla Regione. Su 57mila passano in duecento ...

Ascolta l’intervista:

Politica

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook