Decontribuzione Sud: dall’INPS le istruzioni sullo sgravio fino al 31 dicembre 2022

Con la circolare n. 90 del 27 luglio 2022 l’INPS fornisce le istruzioni per l’applicazione della Decontribuzione Sud. La misura è stata approvata per il secondo semestre del 2022 e prevede una riduzione del 30 per cento sul totale dei contributi, esclusi i premi INAIL, per i datori di lavoro delle Regioni del Meridione. Per fruire dell’agevolazione è necessario esporre i dati nel flusso UNIEMENS.

Decontribuzione Sud, nella circolare n. 90 del 27 luglio 2022 dell’INPS sono specificate le istruzioni operative per l’applicazione dello sgravio fino al 31 dicembre 2022.

La misura è stata approvata dalla Commissione Europea nel “Quadro Temporaneo di aiuti di Stato a sostegno dell’economia a seguito dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina”.

L’esonero previsto è pari al 30 per cento della contribuzione totale ad esclusione di premi e contributi INAIL. Possono beneficiarne tutti i datori di lavoro privati con sede operativa in una delle Regioni del Sud.

Per fruire dello sgravio i datori di lavoro dovranno esporre nel flusso UNIEMENS, a partire dal mese di luglio 2022, i dati relativi ai lavoratori per i quali spetta l’agevolazione.

Decontribuzione Sud: dall’INPS le istruzioni per l’applicazione fino al 31 dicembre 2022

L’INPS tramite la circolare n. 90 del 27 luglio 2022 fornisce le istruzioni da seguire per i datori di lavoro che intendono beneficiare della Decontribuzione Sud fino al 31 dicembre 2022.

Si tratta dell’esonero contributivo previsto dal Decreto Agosto del 2020, esteso fino al 2029 dalla Legge di Bilancio 2021.

Spetta in riferimento ai rapporti di lavoro dipendente attivati nelle regioni del Sud, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e prevede uno sgravio del 30 per cento sui contributi totali, ad esclusione dei premi e contributi INAIL.

Leggi anche:  L'Italia giusta che sogna Conte. Al leader 5Stelle dobbiamo l'avvio della campagna vaccinale, la trattativa per il PNRR e aver mandato a ...

L’agevolazione non è prevista per i rapporti di lavoro agricolo e domestico.

L’esonero è modulato diversamente a seconda degli anni di riferimento:

  • 30 per cento fino al 31 dicembre 2025;
  • 20 per cento per il 2026 e 2027;
  • 10 per cento per 2028 e 2029.

In ogni caso resta ferma l’aliquota per il calcolo delle prestazioni pensionistiche.

Per poter fruire dell’esonero contributivo, i datori di lavoro devono rispettare:

  • la regolarità degli obblighi di contribuzione previdenziale, secondo la normativa DURC;
  • le norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge;
  • gli accordi e i contratti collettivi.

L’agevolazione è compatibile con altre forme di esonero o riduzione nei limiti della contribuzione dovuta e a meno che non ci siano divieti di cumulo previsti da altre disposizioni.

Per essere operativa, la misura deve essere approvata dalla Commissione Europea. L’autorizzazione relativa al periodo che va da luglio a dicembre 2022 è stata comunicata lo scorso giugno (decisione C(2022)4499 final) e inserita nel Quadro Temporaneo di aiuti di Statoa sostegno dell’economia a seguito dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina”.

Decontribuzione Sud: chi può accedere al beneficio

Possono accedere al beneficio previsto dalla Decontribuzione Sud i datori di lavoro privati, anche non imprenditori, colpiti direttamente o indirettamente dagli effetti della crisi ucraina o comunque in situazione di difficoltà.

Sono esclusi i datori del settore agricolo e del lavoro domestico.

L’agevolazione, inoltre, non si applica a:

  • enti pubblici economici;
  • istituti autonomi case popolari trasformati in enti pubblici economici;
  • enti trasformati in società di capitali;
  • ex istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza trasformate in associazioni o fondazioni di diritto privato;
  • aziende speciali costituite anche in consorzio;
  • consorzi di bonifica e industriali;
  • enti morali ed ecclesiastici;
  • imprese operanti nel settore finanziario;
  • imprese soggette a sanzioni adottate dall’UE.
Leggi anche:  FormulaUno: test a sorpresa per Ferrari

Il beneficio spetta a condizione che la sede di lavoro sia collocata in una delle Regioni del Sud. Nel caso in cui il datore di lavoro abbia sede legale in una Regione diversa ma abbia una o più unità operative nelle Regioni previste, sarà necessario specificare alla struttura INPS territoriale il codice di autorizzazione “OL”.

Al contrario, il beneficio non può essere riconosciuto nell’ipotesi in cui il lavoratore dipendente di un’agenzia di somministrazione con sede operativa o legale al Sud svolga la propria mansione in un’altra Regione.

Nel caso specifico dei lavoratori marittimi, che svolgono la loro attività a bordo delle navi, i datori di lavoro possono beneficiare dell’esonero per i dipendenti imbarcati su navi iscritte nei compartimenti marittimi con sede nelle regioni in questione.

Decontribuzione Sud: modalità di esposizione in UNIEMENS

I datori di lavoro che intendono fruire dell’esonero previsto dalla Decontribuzione Sud dovranno esporre nel flusso UNIEMENS, a partire dal mese di luglio 2022, i dati relativi ai lavoratori per i quali spetta l’agevolazione.

Nell’elemento contributo sarà necessario indicare la contribuzione piena calcolata sull’imponibile previdenziale del mese, mentre nella causale dovrà essere inserito il codice “DESU”, “Esonero per assunzioni/trasformazioni a tempo indeterminato”.

L’istituto poi riporterà i dati indicati nel sistema assegnando i codici:

  • L565, Conguaglio Esonero;
  • L571, Arretrati Esonero.

Per quanto riguarda i datori di lavoro privati iscritti alla Gestione pubblica, invece, sarà necessario esporre i dati nella sezione ListaPosPA del flusso UNIEMENS, sempre a partire da luglio 2022.

Leggi anche:  AgroInnovation Award - Tra i premiati la studentessa catanese Roberta Gravagno

Per esporre il beneficio spettante sarà necessario compilare l’elemento “Recupero Sgravi” e indicare il codice “36”, “Esonero per assunzioni/trasformazioni a tempo indeterminato”.

In entrambi i casi, nell’ipotesi in cui i datori di lavoro non riescano ad adeguare in tempo i propri sistemi informativi, sarà possibile esporre la mensilità arretrata di luglio nelle denunce di agosto, settembre e ottobre 2022.

Per tutti gli altri dettagli sulla compilazione del flusso si rimanda al testo della circolare n. 90/2022.

INPS – Circolare n. 90 del 27 luglio 2022
Articolo 1, commi da 161 a 168, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 (legge di Bilancio 2021). Agevolazione contributiva per l’occupazione in aree svantaggiate – Decontribuzione Sud. Applicazione della misura a decorrere dal 1° luglio 2022 e fino al 31 dicembre 2022. Istruzioni operative e contabili. Variazioni al piano dei conti

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook