Draghi ai partiti: ‘Sono qui per gli italiani, siete pronti a un nuovo patto?’ (VIDEO)

Pubblicato il 20 Luglio, 2022

“Siamo qui perché lo hanno chiesto gli italiani. Partiti siete pronti a ricostruire questo patto?”.

Così Mario Draghi.

Il premier arriva con qualche minuto di ritardo nell’Aula del Senato. Parla per mezz’ora, alza anche la voce nei passaggi cruciali di un discorso che rivendica, da un lato, i risultati ottenuti proprio grazie alle forze politiche. Quando hanno lavorato “nell’interesse del Paese”.

Ma dall’altro pone paletti chiari perché si possa proseguire con il Governo di “unità nazionale” che fin qui ha garantito “la legittimità democratica” dell’esecutivo e la sua “efficacia”.

Il consenso più ampio possibile del Parlamento, osserva il premier, serve a maggior ragione per un “presidente del Consiglio che non si è mai presentato davanti agli elettori”.

E l’unica strada per andare avanti, sottolinea con forza, “è ricostruire daccapo questo patto, con coraggio, altruismo, credibilità”.

Le dimissioni, insomma, restano ancora sul tavolo se alla fine della giornata non arriveranno quelle risposte dai partiti attese invano nei 5 giorni della crisi congelata da Sergio Mattarella con l’invito ad andare alle Camere che “oggi mi permettono di spiegare a voi e a tutti gli italiani le ragioni di una scelta tanto sofferta, quanto dovuta”.

Basta ambiguità, è la richiesta del premier. Che si rivolge, senza citarli esplicitamente, soprattutto a Lega e Movimento Cinque Stelle che non a caso non si uniscono all’applauso che segue la fine del discorso in Aula.

Certo, apre all’autonomia, alla riforma delle pensioni, ai miglioramenti al reddito di cittadinanza, al mantenere fermi gli obiettivi di transizione energetica, alla risoluzione delle criticità sul Superbonus. Che però, insieme agli altri sconti edilizi, va reso “meno generoso”.

E poi, incalza, non si può chiedere la sicurezza energetica per gli italiani e al tempo stesso “protestare” contro i rigassificatori. Non si possono sostenere le riforme e poi dare la sponda alla piazza, come nel caso dei taxi.

Bisogna continuare ad armare l’Ucraina perché resta l’unico modo “per aiutare gli ucraini a difendersi”.

Ora la parola ai partiti, con molte incognite e preoccupazioni soprattutto sulle decisioni che potranno assumere Lega e M5S.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Leggi anche:  I 5s divisi sono più deboli: Conte al 12%, Di Maio al 2%. E Grillo vuole tornare a teatro