Draghi annuncia alla Camera la sua salita al Colle – Agenzia Nova

draghi mattarella quirinale
Roma – il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Prof. Mario Draghi, oggi 3 febbraio 2021.
(Foto di Paolo Giandotti – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha lasciato il Quirinale dopo circa 30 minuti di colloquio con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Non ci sarà oggi il Consiglio dei ministri nel quale, da prassi, il premier comunica le dimissioni all’esecutivo. Draghi – precisano dal ministero dei Rapporto con il Parlamento – ha infatti già presentato le dimissioni in Cdm la scorsa settimana. Non ci sarà quindi un nuovo passaggio poiché formalmente ha già comunicato le sue decisioni ai ministri.

Alla luce del voto espresso ieri sera in Senato, chiedo di sospendere la seduta perché mi sto recando dal presidente della Repubblica per comunicare le mie determinazioni. E’ quanto annunciato dal presidente del Consiglio in avvio di seduta a Montecitorio. Seduta che è stata dunque sospesa dal presidente dell’Assemblea, Roberto Fico, fino alle 12. Alle 9 si sarebbe dovuta la discussione generale, in Aula alla Camera, sulle comunicazioni rese ieri dal premier a palazzo Madama. “Certe volte anche il cuore dei banchieri centrali viene usato. Grazie per questo e per tutto il lavoro fatto in questo periodo” ha detto al termine del lungo e caloroso applauso da parte dell’emiciclo in suo omaggio. C’è stata, poi, una standing ovation da parte dei ministri presenti.

Il presidente ha ottenuto ieri la fiducia al Senato con 95 voti. L’Aula ha approvato la fiducia alla risoluzione depositata dal senatore Casini. Su 192 presenti hanno votato 133, M5s, Lega e Forza Italia non hanno partecipato al voto. Nella breve replica a palazzo Madama, il presidente Draghi ha detto: “Esistevano due possibilità: presentarmi in Aula e confermare le mie decisioni con un intervento senza voto. Il sostegno che ho visto nel Paese, la mobilitazione, mi ha indotto a riproporre un patto di coalizione e sottoporlo al vostro voto: siete voi che decidete”.

Leggi anche:  La Russia afferma che sta aiutando le esportazioni di prodotti alimentari ucraini attraverso il Mar d'Azov (A. Martinengo)

La diretta dalla Camera

Le comunicazioni di Draghi in Senato

Un patto rafforzato con le forze politiche per proseguire in modo incisivo l’azione di governo, ha annunciato ieri il presidente. Un discorso alto, in cui il premier ha evidenziato i risultati raggiunti nei 18 mesi del suo governo, con il raggiungimento degli obiettivi previsti dal Pnrr e la realizzazione di riforme attese da anni. Draghi ha sottolineato che “gli italiani hanno sostenuto questo miracolo civile, e sono diventati i veri protagonisti delle politiche che di volta in volta mettevamo in campo”. Tutto ciò, ha sottolineato ancora il presidente del Consiglio, è stato reso possibile “grazie a voi” parlamentari che avete sostenuto il governo con uno sforzo di unità nazionale. “Mai come in questi momenti sono stato orgoglioso di essere italiano”, ha aggiunto. Quella di presentare le dimissioni, ha spiegato ancora Draghi, “è stata una scelta tanto sofferta quanto dovuta. Questa decisione è seguita al venir meno della maggioranza di unità nazionale” ha sottolineato.

“Il desiderio di andare avanti insieme si è progressivamente esaurito e con esso la capacità di agire con efficacia, con tempestività, nell’interesse del Paese”, ha osservato Draghi, che nel suo intervento ha ricordato gli innumerevoli appelli lanciati affinché resti a Palazzo Chigi. Ad averlo colpito, in particolare, l’appello degli oltre 2 mila sindaci e quello dei lavoratori della sanità, “gli eroi della pandemia”. Appelli che “non possono essere ignorati”. Per ricostruire il patto di fiducia che ha tenuto insieme la maggioranza, tuttavia, “l’unica strada, se vogliamo restare insieme, è ricostruire daccapo questo patto con coraggio”. In particolare, nel suo discorso, Draghi ha proposto quattro punti per un nuovo programma di governo: il completamento del Pnrr; la riforma del fisco, il sostegno ai meno abbienti e la riduzione del cuneo fiscale; l’emergenza energetica, con un importante passaggio sul rigassificatore di Piombino la cui istallazione va ultimata entro la prossima primavera; infine, il sostegno all’Ucraina, così come il Parlamento ha impegnato il governo a fare.

Leggi anche:  Bonus trasporto pubblico 2022, a chi spetta e quanto vale

Nel corso del discorso, non è mancato un passaggio importante sulle potenze straniere – non solo la Russia – che cercano di esercitare la propria influenza sull’Italia: “Dobbiamo aumentare gli sforzi – ha affermato Draghi – per combattere le interferenze da parte della Russia e delle altre autocrazie nella nostra politica, nella nostra società”. Nel proporre un patto alle forze politiche, il premier ha concesso qualcosa al Movimento 5 stelle con un’apertura al salario minimi per chi non è coperto dai contratti collettivi e sul Reddito di cittadinanza, “una misura importante ma può essere migliorata” per aiutare chi ha più bisogno e per ridurre distorsioni al mercato del lavoro. Al tempo stesso, però, il presidente del Consiglio ha fatto capire senza mezzi termini che sul sostegno militare al governo di Kiev la linea resta la stessa: “Armare l’Ucraina è il solo modo per aiutarla a difendersi”, ha evidenziato Draghi.

Non è mancata una bacchettata all’M5s e alle forze politiche di sinistra sull’opposizione alla realizzazione delle infrastrutture energetiche necessarie per il Paese. “Dobbiamo ultimare l’installazione del rigassificatore di Piombino entro la prossima primavera, è una questione di sicurezza nazionale”, ha affermato Draghi, rispondendo alle recenti dichiarazioni del presidente della Toscana ed esponente Pd, Eugenio Giani, che vuole limitare a tre anni la presenza del rigassificatore a Piombino. Il premier non ha fatto sconti neanche alla Lega in merito alle concessioni balneari e sui tassisti. “Serve sostegno forte all’azione dell’esecutivo e non di un sostegno a proteste non autorizzate, e talvolta violente, contro la maggioranza di governo”, ha detto parlando del Ddl Concorrenza. Il premier ha quindi chiuso il suo discorso restituendo la palla ai partiti: “Siete pronti a confermare quello sforzo che avete compiuto nei primi mesi, e che poi si è affievolito? Siamo qui, in quest’Aula, oggi, a questo punto della discussione, perché e solo perché gli italiani lo hanno chiesto. Questa risposta a queste domande – ha concluso – non la dovete dare a me, ma la dovete dare a tutti gli italiani”.

Leggi anche:  Matrix 4: confermata la presenza di Laurence Fishburne e Hugo Weaving

IL DIARIO DELLA CRISI

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook