Ecco il numero abbonati Apple TV+ e perché non esiste dongle economico

Un nuovo rapporto apparso in rete offre uno sguardo al dietro le quinte di Apple TV+, rilevando una nuova stima sul numero di abbonati Apple TV+ e perché la società non ha mai prodotto una chiavetta TV economica.

In particolare, lo studio afferma che Apple sta cercando di aumentare la sua produzione di programmi TV e originali per raggiungere il ritmo di “almeno uno a settimana” nel 2022, mentre sta anche pianificando di spendere più di 500 milioni di dollari in marketing per pubblicizzare la sua piattaforma.

numero abbonati apple tv

Il rapporto include anche nuovi dettagli sui piani scartati da Apple per la realizzazione di un accessorio dongle hardware Apple TV a basso costo. Sebbene Apple non riporti i numeri degli abbonati per il servizio in abbonamento Apple TV+, una “persona che conosce tali dati” avrebbe dichiarato a The Information che la stima è di circa 40 milioni di abbonati. Peraltro, la fonte la descrive come “approssimativamente accurata a partire da quest’estate”. Circa la metà di questi abbonati starebbe pagando per il servizio, mentre l’altra metà si trova ancora nel periodo di prova gratuita.

Apple prevede di spendere 500 milioni di dollari per il marketing TV+ quest’anno, secondo il rapporto, ma una curiosità interessante è che si rifiuta di eseguire campagne pubblicitarie a pagamento su Facebook e Instagram. Presumibilmente, questa è una conseguenza della relazione controversa tra i dirigenti di Facebook e quelli di Cupertino. Apple prevede di utilizzare parte di questo budget di marketing per portare un pulsante dedicato ad Apple TV+ nei telecomandi di altri produttori, in modo simile agli accordi esistenti con Roku, Netflix e Amazon Prime Video.

Leggi anche:  Chiara Ugolini uccisa in casa a Calmasino di Bardolino: fermato il presunto assassino

Per quanto riguarda il dongle a basso costo, il rapporto spiega che Tim Twerdahl era il dirigente Apple a sostegno di tale prodotto. Twerdahl è entrato in Apple nel 2017 dopo aver lavorato in Amazon, Roku e Netflix per dirigere il marketing dei prodotti per la casa e l’audio di Apple. Secondo quanto riferito, Twerdahl credeva che un dongle Apple TV a basso costo «Avrebbe reso molto più conveniente l’accesso al servizio di streaming video di Apple».

L’app Apple TV ora è disponibile su Nvidia Shield

Secondo quanto riferito, il progetto di Twerdahl è stato bocciato dai colleghi dirigenti di Apple Greg Joswiak e Phil Schiller:

Ma due dirigenti di marketing di Apple di lunga data, Greg Joswiak e Phil Schiller, hanno bloccato Twerdahl. Non volevano che Apple entrasse nel business della produzione di dispositivi economici e a basso margine, ed erano preoccupati che mettere il marchio Apple su questi hardware avrebbe offuscato la sua reputazione di creare prodotti premium. Alla fine, Apple ha deciso che era comodo sviluppare un’app per Apple TV+ che funzionasse su prodotti hardware di Samsung, Roku, Amazon e altri, anche se erano relativamente economici

Twerdahl ha rilasciato una serie di interviste alla stampa dopo il lancio della nuova Apple TV 4K all’inizio di quest’anno, ma il rapporto odierno di The Information afferma che da allora ha lasciato Apple. Per quanto riguarda l’interesse di Apple per l’acquisizione di uno studio o per un accordo con la NFL, il rapporto di oggi afferma:

Mentre Apple ha esaminato l’acquisto di studi o diritti sportivi, non è mai stato un serio contendente, secondo le persone che hanno familiarità con le discussioni. Sebbene abbia discusso con MGM sull’acquisizione dello studio, Apple non ha mai fatto un’offerta specifica per questo (Amazon ha accettato di pagare 8,5 miliardi di dollari per MGM). Nelle discussioni con la NFL, l’offerta di Apple per i diritti sul pacchetto di calcio del Sunday Ticket della lega era di circa 900 milioni di dollari all’anno, meno dell’accordo da 1,5 miliardi all’anno che DirecTV aveva concordato per il pacchetto anni prima

Per tutto quello che c’è da sapere su Apple TV il link di riferimento è questo.

Leggi anche:  Clima/ Stop motori a carburante dal 2035: ok a maxi - provvedimento

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  'Gli italiani lavorano e mantengono me e migliaia di stranieri': il video social diventa virale e scoppia la polemica

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook