Eitan. Nonna materna. Nessun rapimento, le sue condizioni sono pessime, ora è in cura

Condividi articolo tramite:

– Advertisement –

– Advertisement –

AgenPress –  “Non c’è stato alcun rapimento, Eitan voleva tornare in Israele già da tempo”. Lo dice in Israele è Ety Peleg, nonna materna di Eitan.

“Le sue condizioni sono pessime e finalmente – ha tuttavia denunciato questa mattina in un’intervista a Radio 103 confermando che il bambino è in cura all’ospedale Sheba di Tel Aviv – dopo 4 mesi i medici vedranno cosa è successo al piccolo. Per 4 mesi non ha visto alcun medico a parte sua zia in Italia che è un medico che si occupa dei detenuti. Per 4 mesi hanno impedito a me e a mio marito Shmuel di consultarci con medici e psicologi”.

Leggi Anche |  Oroscopo Paolo Fox oggi domenica 21 febbraio 2021: Ariete - Vergine

“Adesso  è sottoposto a consultazioni mediche molto approfondite allo Sheba, inclusa una cura psicologica che doveva essere fatta da tempo e non è stata fatta. Eitan è il nostro mondo e noi  vogliamo essere sicuri che stia bene. E’ l’unica cosa che ci interessa”. Ety Pleg ha poi detto che Eitan ” non aveva legami con la famiglia di Aya. Ora sono io a curarmi di lui”.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte notizie di attualità e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli del giorno da fonti attendibili, così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e sui contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi Anche |  Astrologia: il significato dei sogni premonitori

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: