Elon Musk ha un sogno: creare una super app sul modello della cinese WeChat

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Come modello, Musk ha in mente l’originale “super app”: WeChat, di proprietà della cinese Tencent. Nella prima riunione con i dipendenti di Twitter, Musk ha menzionato WeChat, indicando che costruire qualcosa di simile potrebbe quintuplicare la base di utenti di Twitter, portandola a un miliardo di persone. “Non esiste un equivalente di WeChat fuori dalla Cina”, ha detto durante l’incontro. “C’è l’opportunità di crearlo.”

Ciò che dice Musk può sembrare stravagante. (Durante l’incontro, ha anche discusso della possibilità di una vita aliena.) Ma il suo pensiero su WeChat non lo è, anche se non è esattamente nuovo. Il successo di WeChat ha stuzzicato molti magnati della Silicon Valley; Musk è solo l’ultimo in ordine di tempo. I miliardari del tech, guardano da anni con invidia al modello di business espansivo di WeChat – messaggistica, social media, pagamenti – e alla mancanza di dipendenza dalle entrate pubblicitarie. Eppure hanno trovato grande difficoltà nel produrre la versione americana di una super app.

“Una super app è un’app in cui puoi svolgere molte attività diverse, anche quelle che sembrano non essere super correlate tra loro”, afferma Yuechen Zhao, partner di GSR Ventures. “La correlazione c’è nel comportamento quotidiano dei consumatori”.

La svolta di WeChat

Nel 2011, Tencent era già una potenza di Internet, fondata dal miliardario Pony Ma 15 anni prima. Quando il comportamento degli utenti stava cambiando e si stava spostando verso i telefoni cellulari, superando la popolare app di messaggistica su desktop di Tencent, uno sviluppatore di Tencent, Alan Zhang, ha proposto a Ma l’idea di un’app mobile che racchiudesse tutte le attività di Tencent.

Zhang oggi è considerato un visionario e WeChat ha oltre 1 miliardo di utenti, il che lo rende numericamente simile a TikTok e Instagram ma ancora distante (metà degli utenti) da WhatsApp. WeChat offre chiamate audio e video e messaggi di testo one-to-one, oltre alla possibilità di creare thread di gruppo contenenti fino a 500 persone.

Leggi anche:  Disney finisce nei guai in Italia per colpa dei leghisti

“Ho scaricato WeChat per la prima volta nel 2013. Stavo studiando ad Harvard e ho incontrato la mia ragazza di allora, ora moglie, che me ne ha parlato”, ricorda Zhao. “Abbiamo iniziato a scambiarci messaggi di testo lì. Poi ne ho parlato con i miei genitori e ho pensato: ‘Oh, mio ​​Dio… per la prima volta potremmo davvero comunicare con la famiglia. Poi, quando sono andato a lavorare a Pechino dal 2016 al 2018,  ho imparato a conoscere abbastanza bene il sistema”.

Il sistema di WeChat va ben oltre la comunicazione. WeChat si è aperto a sviluppatori esterni ed è pieno di mini-app che attirano 200 milioni di utenti giornalieri. Quelle app, come WeChat Pay, simile a PayPal, agiscono su ogni aspetto della vita in Cina tramite codici QR: chiamare un taxi, acquistare generi alimentari, prenotare una visita medica, acquistare un’assicurazione. WeChat riceve entrate attraverso gli annunci e raccoglie una parte del denaro che entra attraverso la sua app.

(Vale la pena spiegare, almeno brevemente, i compromessi accettati da WeChat. È un trionfo commerciale, ma deve coesistere con i censori cinesi. L’app segue le rigide regole del governo, parte di quello che viene comunemente definito “il Grande Firewall”, una barriera tra gli utenti Internet cinesi e i siti Web stranieri. Nel 2020, il presidente Trump ha proposto di vietare WeChat insieme a TikTok, esprimendo le sue preoccupazioni su come le due società gestiscono i dati e la loro necessità di soddisfare le richieste dei loro governati.

I tentativi di Zuckerberg e Spiegel

I rivali di Twitter hanno già cercato di ispirarsi a WeChat. Nel 2019, Mark Zuckerberg ha affermato che avrebbe spostato parte dell’attenzione di Facebook dalla messaggistica pubblica a quella privata, un tacito riconoscimento che ciò che WeChat fa funziona bene. Evan Spiegel, nel frattempo, ha spalancato le porte di Snapchat, incoraggiando gli sviluppatori a contribuire con elementi come i filtri di realtà aumentata, una mossa che ricorda inequivocabilmente WeChat che incoraggia le mini-app.

Leggi anche:  Stasera Tutto È Possibile: ospiti e anticipazioni 5 aprile 2022

Allora perché Facebook o Snap non sono già una super app? Le società statunitensi hanno lottato per introdurre la parte dei pagamenti sul modello di WeChat. Ci hanno provato e il desiderio rimane. Facebook ha fallito con una criptovaluta, Project Libra, ma secondo quanto riferito sta lavorando per aggiungere altre monete virtuali e servizi di prestito. L’anno scorso, Pinterest ha preso in considerazione l’idea di vendersi a PayPal per 45 miliardi di dollari. Instagram infine ha tratto grande vantaggio dai suoi strumenti di acquisto, inclusa la possibilità di effettuare il check-out direttamente tramite la sua app. Ancora una volta, stessa mentalità: pagamenti, media, messaggistica.

A impedire di raggiungere lo stato di super app potrebbe essere un semplice fattore. L’adozione da parte degli Stati Uniti dei pagamenti su mobile è notevolmente più contenuta rispetto a quella cinese. Più dell’80% degli adulti in Cina utilizza i pagamenti su mobile. In America, la cifra è probabilmente inferiore a un terzo. Quindi, anche se Instagram, Facebook e Snap avessero funzionalità di pagamento interessanti, dovrebbero comunque affrontare la scarsa domanda di pagamenti su mobile.

Perché Musk potrebbe farlo

Jack Dorsey, l’uomo che ha gestito per due volte Twitter, deve aver compreso l’importanza di creare una super app. Dopotutto, al suo secondo mandato ceo di Twitter, è stato contemporaneamente amministratore delegato di Block, la società dietro Square e CashApp. Probabilmente, queste società gli davano più possibilità di creare  una super app rispetto a quella dei concorrenti. Non l’ha comunque mai fatto. Il che racconta come Dorsey deve aver la valutato la scarsa possibilità di successo di una super app negli Stati Uniti.

Ora, ecco che arriva Musk, che ha passato la maggior parte degli ultimi tre decenni a pensare ai pagamenti digitali oltre che alle orbite lunari e alle batterie solari. Ma forse Dorsey ha avuto accesso all’infrastruttura fintech esistente che Musk non avrà. Musk però sembra avere qualcosa che Dorsey non ha, forse qualcosa di più importante: la grande voglia di rendere Twitter più grande.

Leggi anche:  Covid, il Cile autorizza il vaccino cinese per i bambini di 6 anni: già immunizzati 13 milioni di abitanti

Certo, Dorsey ha pianificato la crescita di Twitter. Ma è stato guidato, almeno in parte, dalle pressioni di un azionista esterno, Elliott Management. E anche dopo che Elliott ha costretto Dorsey a ottenere grandi risultati, i piani di Dorsey erano comunque meno ambiziosi rispetto a quelli proposti da Musk. Dorsey prevede ricavi per 7,5 miliardi di dollari entro il prossimo anno; Secondo quanto riferito, Musk ha previsto quasi 30 miliardi di dollari entro il 2028, anche se appare improbabile che la pubblicità, in un contesto caratterizzato dal rischio di una recessione, porti 30 miliardi nelle case di Twitter.

Naturalmente, c’è un grande pericolo nel sviluppare una super app, sottolinea Scott Kennedy, presidente di amministrazione fiduciaria in affari ed economia cinese presso il Center for Strategic and Intelligence Studies, un think tank di Beltway. “Una delle critiche rivolte a WeChat riguarda le sue tendenze monopolistiche”, afferma Kennedy. “Abbiamo già questo tipo di preoccupazioni con Facebook, Apple e altri. Penso che una super app incontrerebbe ostacoli antitrust e anticoncorrenziali negli Stati Uniti”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook