Esperti italiani per progetti agricoli tunisini


Una delegazione di esperti italiani sta attualmente proseguendo le visite ai progetti agricoli istituiti nelle diverse delegazioni del governatorato di Kébili, in Tunisia, nell’ambito del monitoraggio del progetto “CROLET”.

Finanziato dal ministero dell’Interno italiano e realizzato dall’organizzazione non governativa “WeWorld -GVC”, il progetto CROLET mira a creare opportunità di lavoro attraverso l’economia territoriale tunisina nei governatorati di Sidi Bouzid e Kebili.

Questo progetto mira anche, a ridurre l’immigrazione clandestina, attraverso iniziative di sviluppo socioeconomico e la promozione di attività legate all’economia sociale e solidale. E da ricordare che nello stesso contesto, il progetto CROLET mira anche a creare un’agenzia di sviluppo locale che riunisce i vari attori del settore pubblico e privato oltre agli agricoltori. Inoltre, il ruolo di questa agenzia è quello di proporre soluzioni alle diverse difficoltà incontrati dagli agricoltori.

Leggi anche:  “Chi ha incastrato Bob Hoskins?”: ascesa di una stella inglese

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Non è l'Arena, 19 giugno/ Anticipazioni e ospiti: Giletti intervista Matteo Renzi

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook