Festività soppresse: quali sono e come vengono indicate in busta paga

Il cedolino dello stipendio può contenere l’indicazione di festività soppresse che alcuni contratti compensano con permessi retribuiti.

Nel calendario le festività indicate in rosso sono i giorni in cui un lavoratore si assenta dal lavoro mantenendo però il diritto alla retribuzione; sempre però in base al suo CCNL.

festività soppresse
Canva

Invece, nel caso in cui fossero lavorate saranno pagate con una maggiorazione. Attualmente i giorni festivi “retribuiti” sono: Capodanno 1° gennaio); Epifania (6 gennaio); Lunedì di Pasqua (data variabile); Anniversario della Liberazione (25 aprile); Festa dei Lavoratori (1° maggio); Assunzione Beata Vergine (15 agosto).

E ancora: Ognissanti (1° novembre); Immacolata Concezione (8 dicembre); Natale (25 dicembre); Santo Stefano (26 dicembre); Festa della Repubblica (2 giugno); Santo patrono del comune sede di lavoro. La Pasqua non è una festività pagata ed è retribuita solo da alcuni contratti.

Leggi anche:  Superbonus, quando è agevolabile il compenso dell'amministratore di condominio? -

Festività soppresse: quali sono e come vengono indicate in busta paga

Molti anni fa, le festività cioè i giorni che il lavoratore poteva assentarsi dal lavoro erano molte di più. Con il tempo, però, alcune furono soppresse ed è per questo motivo che spesso si parla di ex-festività.

Nello specifico sono quattro le festività cancellate nello specifico dalla legge numero 54 del 1977:

La normativa prevede (però solo per il lavoratore dipendente) che questi giorni facciano maturare un giorno di permesso retribuito in più. Però solo se l’ex-festività coincida con un giorno lavorativo (feriale) e non con la domenica (di per sé già festiva ma non retribuita).

Per esempio, la festività del Corpus Domini cadendo sempre di domenica non dà diritto alla maturazione del giorno di permesso. La stessa cosa succede anche per la festa di San Pietro e Paolo per i lavoratori della città di Roma. Infatti, per loro il 29 giugno è la festa del santo patrono ed è quindi considerata festività retribuita e non soppressa.

Leggi anche:  Dichiarazione dei redditi 2022: la circolare dell'Agenzia delle Entrate su detrazioni e deduzioni

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia

  1. Telegram – Gruppo
  2. Facebook – Gruppo

Quindi, nel calendario sarebbe conveniente segnare anche le festività soppresse in modo da sapere quando maturerà il giorno di permesso extra. Giornata che poi potrà essere goduta in un momento successivo.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Ucraina: Landini,in piazza per la pace e contro ogni guerra

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News