Fiducia al governo, come funziona il voto che può decidere l’esito della crisi? Gli scenari

Fiducia al governo, come funziona il voto che può decidere l’esito della crisi? Gli scenari

«Il governo deve avere la fiducia delle due Camere. Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia mediante mozione motivata e votata per appello nominale». Recita così l’articolo 94 della Costituzione, secondo cui l’esecutivo rimane in carica soltanto finché può contare sul sostegno della maggioranza degli eletti sia alla Camera che al Senato. È quello che si saprà mercoledì, quando il premier Mario Draghi si presenterà a Montecitorio e a Palazzo Madama (non è ancora chiaro in quale ordine) per «rendere comunicazioni» al parlamento. E ricevere, appunto, la fiducia, da parte di deputati e senatori che dovranno sfilare uno per volta sotto il banco della presidenza al momento della “chiama” del proprio nome. E dire ad alta voce “sì” oppure “no”. 

Voto fiducia Draghi, prima al Senato o alla Camera? Il timing che divide le coalizioni. Ecco perché

Il voto di mercoledì

Un voto che potrebbe portare con sé qualche sorpresa. Perché se è vero che l’ok al governo da parte dei due rami del parlamento non sembra al momento in dubbio, a meno di altri scossoni (i numeri per andare avanti finora non sono mai venuti meno, neanche quando giovedì scorso il Movimento 5 stelle ha scelto di non esprimersi), l’esito della partita non è scontato. Il Movimento, dilaniato da giorni di scontri e veleni interni, non ha ancora deciso che linea tenere. E una scissione dei pentastellati appare sempre più probabile, con 30 o forse 40 eletti grillini pronti a sostenere Mario Draghi qualunque sia la decisione finale di Giuseppe Conte. 

Leggi anche:  Conto in banca: ecco cosa succede se non rispetti questi limiti

Il leader 5 stelle ha ripetuto che si aspetta «risposte chiare» da Draghi sui 9 punti che gli ha sottoposto (difesa del reddito di cittadinanza, superbonus, salario minimo eccetera). Risposte che potrebbero anche arrivare nel discorso che il premier pronuncerà in Parlamento. Se così non fosse, sembra probabile che almeno una parte del Movimento possa decidere di sfilarsi dall’esecutivo. Magari garantendo a Draghi un appoggio esterno. Ossia: ritiro dei ministri e sostegno in parlamento per andare avanti qualche altro mese. Opzione che Draghi ha già fatto sapere di considerare, di fatto, come una sfiducia. 

INCOGNITA CENTRODESTRA

A complicare l’orizzonte dell’esecutivo c’è pure l’incognita centrodestra. Perché Matteo Salvini e Silvio Berlusconi hanno messo in chiaro di non voler continuare a governare coi Cinquestelle. Ma c’è chi scommette che potrebbero accettare di farlo con una parte di loro, i fuoriusciti “responsabili”.

Leggi anche:  Bonus teleriscaldamento Iren: esteso al 31 agosto 2022 il termine per la presentazione delle domande

Il momento della verità sarà proprio mercoledì. Quando, a seconda di come sarà finito il voto, potrebbero aprirsi almeno tre scenari diversi. Il primo: i grillini si ricompattano sul sì e danno il proprio appoggio al governo. La maggioranza (per quanto più precaria all’apparenza rispetto a qualche settimana fa) è formalmente intatta, dunque Draghi non si dimetterebbe.

GLI SCENARI DOPO IL VOTO

Potrebbe salire al Colle per riferire l’esito del voto e ritirare le sue dimissioni, “congelate” una settimana fa da Sergio Mattarella. Seconda ipotesi: il premier ottiene la fiducia, ma solo da una parte degli eletti stellati che si spaccano. A quel punto la scelta è in mano a Draghi, che aveva fatto sapere di non considerare un governo senza Movimento 5 stelle. Ma che potrebbe averci ripensato, visto il pressing degli ultimi giorni prodotto dalle decine di appelli indirizzati al capo del governo (da parte di sindaci, cancellerie internazionali, categorie economiche) per pregarlo di restare. L’ex capo della Bce potrebbe dunque scegliere di andare avanti, anche con una maggioranza più stretta rispetto a quella del suo insediamento, oppure rimanere fermo sulla volontà di dimettersi perché è venuta meno “l’unità nazionale”. 

Leggi anche:  Reddito di cittadinanza addio, ma senza Mia: arrivano Gil, Gal e Pal, non è uno scioglilingua ma la nuova stretta sull’assegno mensile

In questo ultimo caso, si recherebbe al Quirinale a consegnare dimissioni “irrevocabili” al presidente della Repubblica. Che a quel punto non potrebbe far altro che accettare l’addio del premier e aprire le consultazioni. Terza ipotesi, al momento data come meno probabile: i Cinquestelle decidono compatti per la sfiducia. Di nuovo, sarebbe Draghi a dover decidere cosa fare (la maggioranza senza M5S è comunque garantita dai gruppi di Luigi Di Maio). A meno che anche la Lega e Forza Italia non decidano di sfilarsi dalla maggioranza e andare alle urne. A quel punto la strada sarebbe tracciata: dimissioni, apertura della crisi, voto a settembre-ottobre. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook