Finale alternativo per il film Purple Hearts: “È stato così catartico”

Il 29 luglio, nel catalogo di Netflix, ha fatto il suo ingresso un film molto atteso. Si tratta di Purple Hearts, incentrato su una romantica, ma travagliata storia d’amore. La pellicola, diretta da Elizabeth Allen Rosenbaum, nel giro di pochi giorni, è riuscita a sbaragliare la concorrenza. Infatti, sembra che le dinamiche trattate abbiano colpito nel segno. Ciò che ha stupito, però, è stata una recente dichiarazione da parte di Sofia Carson, l’attrice protagonista. Stando alle sue parole, infatti, avrebbe dovuto avere un finale completamente diverso.

Purple Hearts spopola su Netflix: il successo del film

I protagonisti di Purple Hearts, il nuovo film di successo di Netflix, sono Cassie Salazar (Sofia Carson) e Luke Morrow (Nicholas Galitzine). I due, apparentemente, non hanno niente in comune. La ragazza lavora tutte le notti in un bar notturno, mentre lui sogna una carriera nell’esercito. Il loro incontro, inaspettato e casuale, sarà accompagnato da una tragica scoperta: Cassie soffre di diabete. Le spese mediche, sempre più difficili da contenere, la spingeranno a prendere una decisione davvero difficile: sposare Luke. Anche il giovane avrebbe molti privilegi da questa scelta. Purtroppo, nelle ultime scene del film, il loro inganno verrà scoperto. Il giovane sarà costretto a lasciare l’esercito e a trascorrere sei mesi in prigione, mentre Cassie verrà travolta da un vortice di tristezza e di sensi di colpa.

Leggi anche:  Daydreamer anticipazioni 24 marzo: Sanem aggredita e distrutta

Alla fine, però, la coppia riuscirà a superare tutto questo. Nonostante i sentimenti iniziali, capiranno di amarsi veramente e di voler trascorrere la vita insieme. A questo punto, niente e nessuno potrà impedirgli di celebrare delle vere nozze.

Purple Hearts cambia finale: la decisione di Netflix

Il finale di Purple Hearts è decisamente romantico. Dopo innumerevoli difficoltà, infatti, i due personaggi potranno godersi un lieto fine di tutto rispetto. Però, stando alle parole di Sofia Carson, che recentemente ha rilasciato un’intervista per Remezcla, le cose non sarebbero dovute andare in questo modo. I piani originali, infatti, prevedevano una conclusione più tragica.

Non ci sarebbe dovuto essere alcun matrimonio, ma solo la promessa di Cassie di aspettare Luke fino alla fine della sua pena. Un arrivederci amore, quindi, che avrebbe potuto lasciare le porte aperte a innumerevoli altre possibilità. Sono stati i dirigenti Netflix a protendere per un esito alternativo:

Avevamo finito il film con Luke che veniva portato in prigione e Cassie che lo aspettava al cancello, sperando che tornasse a casa. Tuttavia, i dirigenti di Netflix hanno ritenuto che fosse importante che il pubblico vedesse Cassie e Luke insieme ancora una volta. È stato così catartico e così bello vederli insieme perché ce ne si innamora. Ed è una sensazione così bella vedere il lieto fine che non hanno mai avuto.


🔥 Non perderti le migliori offerte su TV e Casa, segui il nostro canale Telegram: t.me/scontipuntocasa 🔥

Leggi anche:  Simona Ventura e Arisa: il litigio che è diventato storia | Cosa era accaduto

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Linea Verde | Puntata 10 gennaio 2021

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook