Flop del reddito di cittadinanza: cresce ancora il rischio povertà

Il reddito di cittadinanza di cittadinanza è stato un flop clamoroso. A confermarlo sono i dati sull’aumento della povertà assoluta in Italia divulgati dall’Istat tempo fa. E ora anche le previsioni di Eurostat sull’aumento del tasso di rischio.

Costato la bellezza di 23 miliardi di euro in tre anni, il reddito di cittadinanza è stato uno strumento fallimentare sotto ogni punto di vista. Non ha debellato la povertà che è cresciuta al 9,4% della popolazione raggiungendo i massimi storici per la prima volta. E non ha risolto il problema del lavoro.

Il flop del reddito di cittadinanza

Non è infatti servito a trovare occupazione alle persone inattive e bisognose. Solo una persona su cinque, dopo quasi un anno di reddito di cittadinanza, ha trovato lavoro. E nemmeno tramite i Centri per l’Impiego, infarciti di inutili navigator per lo scopo.

Leggi anche:  Assegno unico e reddito di cittadinanza, come fare domanda

Ma il fallimento principale riguarda il contrasto alla povertà. L’assegno del reddito di cittadinanza, checché se ne dica, è troppo basso per impedire, soprattutto adesso che l’inflazione è tornata a correre, la crescita della povertà in Italia. Meglio sarebbe stato dare maggiore impulso all’occupazione tramite incentivi e sgravi a chi assume.

Anche perché, dando uno sguardo alla cartina geografica, si può notare che i percettori di reddito di cittadinanza si concentrano in particolare nelle regioni dove di lavoro ce n’è poco. Cioè Campania e Sicilia. Diventando anche un incentivo per non cercarsi lavoro.

Il bilancio negativo e i dati Eurostat

C’è poi da considerare la spesa enorme che lo Stato sta sostenendo per mantenere i percettori di reddito di cittadinanza. Soldi che non sempre vanno a finire nelle tasche giuste e che costringono la Guardia di Finanza e l’Inps a controlli straordinari di ogni tipo per scovare i furbetti.

Leggi anche:  Quali sono le spese medico - veterinarie detraibili e la somma massima e come ottenerle compilando il 730 online

In tutto finora sono stati spesi ben23 miliardi di euro per mantenere oltre 3 milioni di persone per un “esperimento” che non ha prodotto alcun risultato positivo per la collettività. Se non altro debito pubblico da caricare sulle spalle degli italiani e di chi lavora.

Soldi buttati, si può dire, perché secondo i dati Eurostat, la percentuale delle persone che hanno un reddito inferiore al 60% di quello medio disponibile, è salito dal 20% del 2020 al 20,1% del 2021, per 11,84 milioni di persone coinvolte.

Percentuale che sale al 25,2% (14,83 milioni) se si considerano anche le persone a rischio di esclusione sociale. Ovvero quelle che sono a rischio di povertà o non possono permettersi una serie di beni materiali o attività sociali e vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa.

Leggi anche:  CNPR Forum: "Avanti con gli investimenti etici"

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook