Fondo ristorazione e pasticceria/ Fino a 30 mila euro di copertura: chi ne usufruisce

Arrivano delle novità importanti sul decreto approvato, relativo al fondo ristorazione e pasticceria. In data 04 luglio 2022 infatti, sul sito web ufficiale del Ministero delle politiche agricole e forestali (MIFAP), si legge la decisione presa da parte di Stefano PatuanelliMinistro dell’agricoltura dell’Italia.

Patuanelli ha firmato il decreto attuativo inerente al “Fondo di parte capitale per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell’agroalimentare italiano”.  Ma cosa prevede questo fondo? Quanto budget viene messo a disposizione?

Fondo ristorazione e pasticceria: budget e caratteristiche

Il fondo ristorazione e pasticceria è un aiuto economico, che viene garantito a tutte quelle aziende specializzate in dolci, con l’obiettivo di favorire le eccellenze pasticcere e della ristorazione italiana.

Leggi anche:  Mise: nuovi incentivi per Blockchain, Intelligenza Artificiale e IoT

Il finanziamento totale ammonterà aa 56 milioni di euro di cui 25 milioni di euro per l’anno 2022 e 31 milioni euro per il 2023.

La Legge prevede che fino ad un massimo del 70% di quanto l’azienda investe, a cui verranno corrisposti massimo 30 mila euro a singola azienda, quest’ultima possa spendere e usufruire parte del rimborso di quanto capitalizzato, purché la spesa riguardi:

  • L’acquisto di macchinari professionali;
  • L’acquisto altri beni strumentali durevoli innovativi.

Stefano Patuanelli, Ministro dell’agricoltura dell’Italia, specifica che le imprese che potranno godere di quest’agevolazione sono tutte quelle che comprendono la somministrazione alimentare, tra cui anche gelaterie e pasticcerie.

Leggi anche:  Lo stabilimento Peroni di Bari investe sull'energia green: 600 metri quadri di collettori solari per ridurre le emissioni di Co2

Così come ogni bonus o indennizzo, anche il fondo ristorazione e pasticceria è indirizzato ad un numero ristretto di imprese. Ecco quali sono le caratteristiche e i requisiti da soddisfare per poter aderire:

  • Imprese che risultano iscritte da almeno dieci anni al registro delle imprese;
  • Oppure tutte quelle imprese che nei 12 mesi antecedenti alla data di pubblicazione del decreto, hanno comperato prodotti certificati come DOPIGP, SQNPI (Sistema di qualità nazionale di produzione integrata), SQNZ (Sistema di qualità nazionale zootecnica) e prodotti biologici.

Per l’ambito della ristorazione la quota stabilita è fissata al 25% del totale acquistato, per la gelateria e pasticceria la quota è fissata al 5%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Leggi anche:  Addio al governo Draghi, Conzatti: ''Danno insanabile all'Italia''. Ferrari: ''5 Stelle, Lega e Fi banda di irresponsabili''. De Bertoldi: ''Siamo gli unici a volere il bene del Paese''

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook