Fotovoltaico e scambio sul posto: incredibile il suo funzionamento

Chi decide di installare un impianto fotovoltaico tra gli argomenti più richiesti c’è lo scambio sul posto. Ecco che cosa è e come funziona.

Utilizzare i pannelli fotovoltaici per risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica è una scelta conveniente e, nello stesso tempo, permette anche di ridurre l’inquinamento ambientale.

fotovoltaico

Molti sono a conoscenza del costo elevato di un impianto di questo tipo e che il reale risparmio avverrà più avanti nel tempo. Anche perché oltre ai pannelli ci sono anche altre modifiche da fare come cambiare contatore. In effetti, serve un contatore fotovoltaico e sono in molti a chiedersi come si legge.

Fotovoltaico: che cosa è lo scambio sul posto e come funziona

Un Lettore ci invia una mail con la seguente domanda: “Salve. Ho installato il fotovoltaico e il contatore nuovo. Cosa significa scambio sul posto del GSE? Grazie”.

Leggi anche:  Prenotazioni sanitarie online, la Lista Toti: "Nuovo e apprezzato strumento, che riduce le distanze tra i fruitori dei servizi e le ...

Il contatore fotovoltaico misura sia l’energia che si auto consuma sia quella che si immette nuovamente nella rete, ovvero il cosiddetto scambio sul posto.

Questo è tra le informazioni più richieste dai nuovi futuri proprietari di impianti fotovoltaici.

La normativa dello scambio sul posto risale al 2017 ma sull’argomento se ancora molta confusione. Si tratta di un meccanismo che permette di immettere nuovamente nella rete elettrica l’energia prodotta dal proprio impianto e non auto consumata.

Però, parte di questa energia non è consumata immediatamente e per questo è immessa nella rete dopo essere passata per il contatore fotovoltaico che calcola il kWh (kilowattora) immessi nella rete.

Di sera oppure in una giornata poco soleggiata l’impianto non produce abbastanza energia e quindi una parte del consumo deriva dalla rete nazionale. Il prelievo sarà conteggiato nella bolletta elettrica e poi rimborso dal GSE, ossia il Gestore dei servizi energetici.

Leggi anche:  Rottamazione cartelle: pagare la Ter o aspettare la Quater, dubbio per molti

In effetti, sarà conteggiato come compensazione tra il valore dell’energia elettrica prodotta e immessa nella rete e il valore dell’energia elettrica prelevata e consumata.

Quindi, l’energia che non consumiamo e che immettiamo nella rete sarà rimborsata una volta all’anno dal GSE.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia

  1. Telegram – Gruppo
  2. Facebook – Gruppo

Infine, è possibile attivare il servizio presentando il modello unico al proprio gestore di rete oppure inviando una richiesta di adesione al GSE (entro 60 giorni dall’allaccio dell’impianto alla rete) tramite il sito internet: www.gse.it/servizi-per-te/fotovoltaico.

Leggi anche:  Reddito di cittadinanza, nell'ex feudo barese dei 5S vince la paura da fine del mese. "Qui Meloni farà il botto"

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News