Gas non pagato dall’ex Ilva? Il rischio che i 300 milioni finiscano nelle bollette di tutti- Corriere.it

Settecento milioni di metri cubi su un miliardo. Potremmo chiamarlo il conto dell’ex Ilva nel servizio di Default trasporto, il regime di ultima istanza gestito da Snam per garantire le utenze industriali — al momento se ne registrano 150 — di una fornitura di metano temporanea in attesa di trovare un nuovo fornitore nel giro di qualche settimana o mese.

Dunque sarebbe auspicabile un intervento immediato di sistema. Sbloccando in fretta quel miliardo di euro in carico ad Invitalia, braccio finanziario del ministero dello Sviluppo con fondi delle Finanze, per dare liquidit alla pi grande fabbrica d’Italia. Un pivot per il sistema siderurgico, anche per la produzione di rottame funzionale all’alimentazione delle acciaierie del Nord, D’altronde la querelle tra Acciaierie d’Italia e l’Eni prosegue da un mese. Tra contratti ventilati, pagamenti anticipati e una conclamata diffidenza.

Leggi anche:  David di Donatello 2022: la lista completa dei vincitori

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Gli ascolti di Don Matteo 13

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News