Gemitaiz su 1727Wrldstar e il lavoro dei giornalisti: “Non chiamatelo rapper”

Condividi articolo tramite:


Passati pochi giorni dall’arresto, arriva il commento di Gemitaiz su 1727Wrldstar. L’autore di Quello Che Consiglio Cv. 9 si è espresso nelle stories di Instagram per lanciare un messaggio ai giornalisti.

L’arresto di 1727Wrldstar

Nella mattina di sabato 23 gennaio i Carabinieri di Ponte Galeria, a Roma, hanno arrestato Algero Corretini, noto ai più come 1727Wrdlstar o meglio come “Fratellì”, diventato famoso dopo il video virale della diretta Instagram in cui improvvisava una corsa spericolata a bordo della sua auto fino a schiantarsi contro un muro.

“Ho preso il muro, fratellì”, diceva ripetutamente Algero, e la sua frase era diventata un tormentone. Durante il weekend i carabinieri lo hanno arrestato dopo la chiamata della madre della compagna, Simona Vergaro. La ragazza ha riferito di esser stata picchiata per tutta la notte e su di lei Algero avrebbe infierito anche con una spranga di ferro. 1727Wrldstar si trova ora al carcere di Rieti. Secondo i militari, la violenza subita da Simona avrebbe dei precedenti. Al momento dell’arresto Algero Corretini era in possesso di un timbro medico, anabolizzanti e 25 grammi di marijuana.

Leggi Anche |  Uccelli morti a Roma il 31 dicembre: non è una bufala, le cause

Il commento di Gemitaiz su 1727Wrldstar

Il commento di Gemitaiz su 1727Wrldstar è rivolto soprattutto ai giornali e ai giornalisti. Il rapper interviene per difendere la sua categoria ricordando che essere “rapper” non significa avere semplicemente dei tatuaggi in faccia.

Algero Corretini, in effetti, ha sempre mostrato il suo fisico e i suoi tatuaggi, e specialmente nell’ultimo periodo i disegni sul suo volto erano aumentati. In tanti lo definiscono “rapper”, ma la sua fama non è certo dovuta alle sue doti artistiche. Ecco il commento di Gemitaiz su 1727Wrldstar rivolto al mondo dell’informazione:

“Non è che se uno ha un tatuaggio in faccia è un rapper. Smettete di chiamare rapper questi ritardati che fanno le cose su Internet o che diventano famosi con qualche stro**ata da deficienti. Non chiamate rapper qualcuno solo perché un giorno ha fatto una canzone e s’è fatto un tatuaggio in faccia”.

Per il momento il commento di Gemitaiz su 1727Wrldstar è la prima voce dissidente dal mondo del rap, una presa di posizione verso un personaggio che spesso ha attirato l’attenzione su di sé per le sue bravate documentate sui social.

Leggi Anche |  Alice Campello minacciata e offesa vergognosamente dopo il goal del marito Alvaro Morata

Sei il proprietario di questo articolo e vuoi che venga rimosso? Contattaci sulla nostra Pagina Facebook.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: