Governo Draghi, dalla crisi al voto di fiducia: cosa è successo

Il finale del governo Draghi

Che le cose si fossero messe male di era capito già il giorno prima. Con il premier dimissionario Mario Draghi che aveva visto il segretario del Pd, Enrico Letta in mattinata, senza coinvolgere il centrodestra di governo riunito invece a Villa Grande, residenza romana di Silvio Berlusconi. Solo dopo le proteste della Lega e di Forza Italia, l’ex governatore della Bce ha deciso di incontrare anche Matteo Salvini, Antonio Tajani, Maurizio Lupi e Lorenzo Cesa.

Il vertice del centrodestra 

Dopo il confronto con il premier è seguito un nuovo incontro a Villa Grande, Lega, Forza Italia e Udc durato cinque ore. Al termine, il centrodestra di governo si è detto disponibile a sostenere un governo Draghi Bis, ma senza i 5Stelle, responsabili della crisi. Inoltre, il centrodestra ha posto alcune condizioni imprescindibili, ovvero la necessità di procedere alla revisione del reddito di cittadinanza, la pace fiscale e la rottamazione delle cartelle esattoriali, l’investimento sul nucleare di ultima generazione e il contrasto all’immigrazione clandestina. Draghi invece è salito al Colle per riferire l’esito degli incontri al presidente Sergio Mattarella.

Leggi anche:  Bonus in scadenza a giugno 2022: elenco completo degli aiuti da richiedere subito

Le tappe della crisi del governo Draghi

In mattinata, alle 9,30 il discorso di Draghi al Senato in cui si rivendicano i risultati raggiunti dal governo. Ma allo stesso tempo fissano i paletti per il futuro. Il premier chiede alle forze politiche “nell’interesse del Paese”. Ma senza ambiguità perché ci sono le riforme da fare. Quelle fiscali, innanzitutto, ma anche la riforma della pubblica amministrazione e della giustizia. Dopo mezz’ora in Parlamento scatta l’applauso. Ma all’appello mancano i parlamentari di Lega e 5Stelle. Draghi esce dall’aula per un confronto con i ministri dopo l’intervento del capogruppo leghista Massimiliano Romeo che ha ribadito la posizione del partito per votare la fiducia: “Governo nuovo, senza M5s, o voto anticipato“,

Cosa chiede la Lega a Draghi

I motivi dello strappo li spiegano immediatamente i leghisti Massimo Bitonci, capogruppo in commissione Bilancio e capo dipartimento attività produttive e Alberto Gusmeroli, vicepresidente commissione Finanze e responsabile Unità fisco del dipartimento Economia della Lega. “Siamo stupiti dal discorso del presidente Draghi: nessun accenno a flat tax e pace fiscale nonostante 50 milioni di cartelle esattoriali già partite o in partenza che rappresentano un’emergenza nazionale – precisano -. Anche il passaggio sul credito di 1.100 miliardi di magazzino fiscale che l’Agenzia delle Entrate ha nei confronti di cittadini e imprese ci lascia perplessi. In questo momento di grave crisi economica con l’aumento delle bollette e delle materie prime anche alimentari, cosa si chiede? Di rimborsare subito? Se non bastano pandemia e guerra per un rinnovato patto fiscale tra cittadini, fisco e agenzia delle entrate cos’altro dovremmo aspettare?”.

Leggi anche:  Fermato il tabaccaio che rubò Gratta&Vinci. cercava di imbarcarsi per l'estero

Il finale di giornata

Intanto prosegue la discussione in Senato prevista fino alle 18.40 quando ci sarà il primo giro per la fiducia sulle dichiarazioni del capo del governo. Intanto, dopo la discussione generale, Draghi potrà replicare e subito dopo ci saranno le dichiarazioni di voto. Prima però fra il discorso del premier e la fine del dibattito dei senatori, i partiti di maggioranza (Pd, Lega, Forza Italia, Leu e M5s ) potranno presentare la risoluzione, il documento con cui le forze politiche si impegnano a sostenere Draghi e cioè la base da cui il governo ripartirà. Se non si troverà un’intesa, il premier tornerà da Mattarella per rassegnare le dimissioni. Questa volta irrevocabili.

Leggi anche:  Bologna, Bernini (FI): "Reddito di cittadinanza, misura da superare urgentemente"

 

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook