Guerra: ‘Il governo è pronto a tutelare i più deboli’ – Agenzia Nova

Cecilia Guerra

Gli ultimi dati sulla povertà disegnano uno scenario “preoccupante e drammatico”, con un aumento delle disuguaglianze che colpisce in particolar modo i minori e gli immigrati e non risparmia però nemmeno chi lavora. Per uscirne c’è bisogno da un lato di migliorare gli strumenti di contrasto come il Reddito di cittadinanza che oggi discrimina gli stranieri e le famiglie più numerose. Dall’altro di aumentare le retribuzioni attraverso un salario minimo agganciato alla contrattazione. Maria Cecilia Guerra, sottosegretaria all’Economia, ed esponente di Leu, commenta così, in una intervista ad “Avvenire”, la doccia fredda del report Istat, che certifica come il rimbalzo del Pil nel 2021 non abbia migliorato le condizioni di chi sta in fondo alla fila. La povertà nel 2021 è stata alimentata anche dall’inflazione, che “acuisce le disuguaglianze perché colpisce soprattutto i panieri di spesa delle famiglie a minor reddito. Come mostra uno studio dell’Upb, i bonus sociali, gli interventi sulle bollette e il contributo dei 200 euro, hanno permesso nell’ultimo anno di azzerare gli effetti dell’inflazione sul 10 per cento di famiglie più povere e di contenerli per le altre. Bisogna concentrare tutti gli sforzi verso chi è in maggiore difficoltà, i nuclei meno abbienti le imprese più colpite dall’aumento dei prezzi, altrimenti spenderemo male i soldi”. “A luglio – aggiunge la sottosegretaria – scadono gli sconti sulla benzina e sulle bollette e il governo sta lavorando a un nuovo intervento”.

Leggi anche:  David di Donatello - Nomination per il siciliano Emanuele Pisano con il corto 'L'oro di famiglia'

Poi spiega cosa l’ha più colpita nei dati dell’Istat: “Il dato più drammatico riguarda i minori e gli stranieri. Le basse retribuzioni e la precarietà del lavoro colpiscono in modo particolare i giovani, quindi molte famiglie con figli e ci portano alla situazione di oggi con un 1,382 milioni bambini che vivono in nuclei in povertà assoluta. Il problema è particolarmente acuto nelle famiglie di stranieri, dove l’incidenza della povertà è salita oltre al 36 per cento, sei punti in più del 2020”. Quanto al Reddito di cittadinanza, “la pandemia ha reso più difficile valutare gli effetti del Rdc, ma due dati ci devono spingere a mantenerlo e migliorarlo. Intanto nel 2019, ultimo anno pre-covid, aveva contribuito a far scendere la povertà in Italia dal 7 al 6,4 per cento. Inoltre questo sostegno ha ridotto l’intensità delle povertà. Resta però il problema di quel vincolo vergognoso che taglia fuori dal Reddito chi risiede in Italia da meno di 10 anni discriminando così proprio coloro che stanno peggio”, ha concluso Guerra.

Leggi anche:  Scenari prossimi/ Quanto pesa sulle pensioni la fuga dal lavoro

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  'Sauro Mingarelli il Rosso. Il meccanico che stregò la Ferrari'

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook