I consigli per risparmiare Elettricità dei nostri lettori, come scegliere e usare al meglio lo scaldabagno

Possiamo usare al meglio lo scaldabagno e avere l’acqua calda anche senza spendere una fortuna in elettricità. 

Grazie alle testimonianze che ci arrivano in redazione possiamo raccontare come sia possibile risparmiare davvero. Oggi parliamo dello scaldabagno elettrico.

usare al meglio lo scaldabagno
Canva

Questo elettrodomestico è ancora presente in molte case, sebbene sia notoriamente un dispositivo che consuma molta energia. In realtà solamente i modelli più vecchi sono davvero molto energivori. Gli scaldabagno costruiti di recente hanno tutte le caratteristiche per essere funzionali e energeticamente sostenibili.

In questo articolo, dunque, parleremo di come scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze e della testimonianza di un nostro lettore, che scrivendoci in redazione ci ha raccontato come risparmia usando lo scaldabagno.

Come scegliere e usare al meglio lo scaldabagno elettrico

L’idea di installare un dispositivo che consuma elettricità per scaldare l’acqua può sembrare “folle”. Di questi tempi sicuramente. In realtà esistono degli scaldabagno elettrici molto performanti e che permettono di risparmiare rispetto all’uso della caldaia a Gas.

Infatti con essa, ogni volta che abbiamo bisogno di acqua calda, dobbiamo attendere che la fiamma la riscaldi, e spesso ci vuole anche qualche minuto. Consumiamo Gas, e anche della preziosa acqua. Inutile ricordare che oggi il prezzo del Gas è diventato insostenibile, e quindi possiamo valutare l’idea di scaldare l’acqua sanitaria in un altro modo.

Leggi anche:  Bonus 200 euro a chi non l'ha ancora ricevuto: c'è il decreto, come fare subito domanda

Il Boiler, o Scaldabagno, in questo senso si può rivelare un’ottima scelta. Infatti è un elettrodomestico economico, di facile installazione (a differenza ad esempio dei pannelli solari) e che non necessita praticamente di manutenzione, o quasi. Ne esistono due varianti principali, ovvero quelli istantanei e quelli ad accumulo.

Nel primo caso, è sufficiente accendere il dispositivo per avere acqua calda sanitaria in poco tempo. Con temperature che possono variare dai 35 ai 65 gradi, e anche di più. Nel secondo, oltre a scaldare l’acqua il boiler la mantiene calda a lungo. In questo caso, però, i consumi di elettricità sono leggermente più alti.

Quale scaldabagno è migliore per me?

In commercio esistono modelli di varie grandezze e con diverse funzionalità. In linea generale, per un nucleo familiare di 2 o 3 persone è sufficiente un Boiler con la capacità di 10-30 Litri. Per famiglie numerose, di 4 persone o più, meglio orientare la scelta verso Scaldabagno con capacità da 50-80 Litri.

Ovviamente dobbiamo acquistare i modelli più recenti, perché concepiti per ottimizzare i consumi. Parliamo di elettrodomestici di classe superiore, come la A+++.

Fondamentale è la presenza del termostato, con cui andremo a decidere e regolare la temperatura dell’acqua che desideriamo. Esistono anche dei Boiler con Timer, perfetti perché possiamo programmare l’accensione per quando ci torna più comodo. O magari per sfruttare le fasce orarie nelle quali l’elettricità costa di meno. Se il Timer non è presente però, possiamo con pochissimi Euro acquistare un timer esterno, che collegheremo alla presa dello scaldabagno.

Leggi anche:  Giallo a Catania: 27enne uccisa dai colpi di un’arma da fuoco

Come risparmiare con lo scaldabagno elettrico

Una volta che abbiamo individuato l’elettrodomestico più adatto, possiamo cominciare a beneficiare dei Bonus per l’acquisto di dispositivi a risparmio energetico. Dopo averlo installato, abbiamo l’opportunità di ottimizzare i consumi, e quindi spendere di meno in bolletta.

Innanzitutto, come accennato poco sopra, possiamo usare il timer per accendere lo scaldabagno solamente il tempo necessario, e nelle fasce orarie più convenienti. Poi, come ci suggerisce un lettore che ci ha fornito la sua testimonianza, possiamo fare così.

Oltre ai classici suggerimenti, mi sento di aggiungere un altro particolare: cioè mettere lo  scaldabagno non alla massima temperatura. Infatti per lavarsi e beneficiare dell’acqua calda non è necessario arrivare a 90 gradi, anzi, noi lo impostiamo a 37, o 43 e i consumi sono davvero ridotti

Dunque, come si evince da questa testimonianza, è davvero facile intuire che non serve acqua bollente per lavarsi. Con un boiler a basso consumo, di classe energetica A+++, e con qualche piccola accortezza, probabilmente spenderemo molto meno di elettricità che di Gas.

Leggi anche:  Illeciti contro il reddito di cittadinanza: scoperti 44 indebiti percettori del beneficio residenti nei campi ROM felsinei

Raccontateci quali soluzioni state adoperando per contrastare i rincari

Come risparmiare sulle bollette? InformazioneOggi dà voce alle imprese, ai professionisti e alle famiglie che vivono costantemente lo shock energetico. La vostra voce è importante, raccontateci quali soluzioni state adoperando per contrastare i rincari inviando una mail alla “Posta di informazioneoggi.it”

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News