I Portici di Bologna sono Patrimonio Unesco

I Portici di Bologna sono Patrimonio Unesco. Un altro importante riconoscimento per l’Italia. Le ultime notizie.

I Portici di Bologna sono Patrimonio Unesco (Adobe Stock)

L’Italia ottiene un altro importantissimo riconoscimento dall’Unesco con il Patrimonio dell’Umanità assegnato ai Portici di Bologna.

Dopo la pittura del ‘300 a Padova, con la Cappella degli Scrovergni di Giotto, e la città termale di Montecatini, inclusa in un sito diffuso europeo, per l’Italia arriva il terzo riconoscimento da questa sessione Unesco in corso in Cina.

Non solo, si estende anche il Patrimonio Unesco della città Firenze che dal centro storico include anche San Miniato. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Il Parco Nazionale della Maiella diventa Geoparco Unesco

I Portici di Bologna sono Patrimonio Unesco

I bellissimi Portici di Bologna sono da quest’anno Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco. L’ambito riconoscimento è arrivato oggi dall’agenzia delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura riunita in questi giorni a Fuzhou in Cina, per la 44ma sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale Unesco.

Leggi Anche |  É sempre mezzogiorno | Ricette | Puntata 28 gennaio 2021

Sabato scorso era stato finalmente assegnato il Patrimonio dell’Umanità alla Cappella degli Scrovegni di Giotto, insieme alla pittura del ‘300 della città di Padova, riunita nel sito cittadino Padova Urbs Picta, che include altri edifici e monumenti della città veneta. Un riconoscimento che aveva fatto salire a 57 i siti Unesco in Italia.

Nello stesso giorno, il Patrimonio Unesco era andato anche a Montecatini Terme, inclusa questa volta nel sito internazionale delle “Grandi città termali d’Europa“. Il sito, condiviso tra 7 Stati europei, comprende le più belle città termali di Italia, Germania, Francia, Belgio, Austria, Inghilterra e Repubblica Ceca.

Soddisfazione per il riconoscimento del Patrimonio Unesco ai Portici di Bologna è stata espressa dal Ministero della Cultura.

Leggi anche –> Alla scoperta di Bologna: il porticato più lungo del mondo

Leggi Anche |  “Ricette all’italiana”: torta di mele renette di Anna Moroni

Patrimoni Unesco a rischio

Nel frattempo, come avevamo già segnalato, Venezia ha scongiurato l’iscrizione nella lista dei Patrimoni Unesco a rischio, grazie al recente decreto legge che ha rimosso in via definitiva le grandi navi dai canali del centro storico della città lagunare.

La stessa cosa, invece, potrebbe non accadere con il celeberrimo sito di Stonehenge, che l’Unesco ha deciso di mettere sotto osservazione. Il Comitato del Patrimonio Mondiale Unesco ha messo sotto accusa l’incuria in cui è tenuto il sito e anche il progetto di costruire sotto il celeberrimo monumento un’autostrada sotterranea.

Gli inglesi sono stati “puniti” anche per Liverpool che ha perso il Patrimonio Unesco sul suo porto, a causa dell’eccessiva edificazione e degli interventi urbanistici che gli hanno fatto perdere la sua autenticità, fino a coprire i caratteristici dock di epoca vittoriana.

A rischio è anche la basilica di Santa Sofia di Istanbul.

Leggi Anche |  Mattino Cinque | Samya | Ricetta frittata di ceci
portici bologna
I Portici di Bologna sono Patrimonio Unesco (Foto di tomek999 da Pixabay)

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook