Il Bonus verde 2022 per case e condomìni solo se c’è innovazione

Tra i Bonus edilizi non ci sono solo il Superbonus 110%, il Bonus facciate, il Bonus mobili ed il Bonus ristrutturazioni. Anche se è meno noto, infatti, tra i Bonus c’è pure quello per la sistemazione a verde di giardini e di terrazzi. Senza peraltro fare distinzioni tra i singoli immobili ed i condomini.

Si tratta, nello specifico, del cosiddetto Bonus verde che andrà avanti per un triennio. Oltre che per il 2022, infatti, la misura, è stata prorogata dal Governo Draghi pure per il 2023 e per il 2024. Con la possibilità, ai fini IRPEF, di detrarre fiscalmente il 36% della spesa ammissibile sostenuta.

Il Bonus verde 2022 per case e condomìni solo se c’è innovazione

Nel dettaglio, il massimale di spesa che è ammesso a detrazione fiscale non può in ogni caso superare la soglia dei 5.000 euro. E quindi la detrazione fiscale massima che si può maturare per l’intervento di sistemazione a verde è pari a 1.800 euro.

In più, il Bonus verde 2022 per case e condomìni non è in ogni caso accessibile per i costi sostenuti per la manutenzione ordinaria. Ma solo per rifare in tutto e per tutto il look alle aree verdi. Per esempio, anche per realizzare pozzi o impianti di irrigazione. Tra i lavori ammessi al Bonus, inoltre, ci sono pure quelli per la realizzazione di giardini pensili oppure di coperture a verde. Non sono ammessi al Bonus, inoltre, non solo i lavori di manutenzione ordinaria per le aree verdi. Essi, infatti, non portano ad un intervento modificativo o innovativo. Ma sono esclusi dal Bonus pure i lavori in economia.

Come si porta in detrazione il Bonus sistemazione e rinnovamento aree verdi e come pagare i lavori

La detrazione fiscale massima di 1.800 euro per il Bonus verde è fruibile in sede di dichiarazione dei redditi. Precisamente, con la ripartizione pari a 10 rate annuali di pari importo. Ed il tutto fermo restando che i lavori devono essere pagati con strumenti tracciabili. E quindi mai in contanti nel ricordare, tra l’altro, che i pagamenti cash sopra i 2.000 euro nel 2022 sono vietati ai sensi di legge.

Quindi, pagamento dei lavori per il Bonus verde con il bonifico postale o con il bonifico bancario. Oppure ancora con le carte bancomat, con le carte di credito, con le carte ricaricabili con IBAN e con gli assegni. Dagli assegni bancari agli assegni postali, passando per gli assegni circolari con la clausola di non trasferibilità.

Lettura consigliata

Il Bonus verde 2022, in cosa consiste e quali lavori sono ammessi, vediamo quali sono tutti i dettagli dell’agevolazione

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell’autore consultabili QUI»)

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Leggi anche:  Bonus 200 euro: chi deve fare domanda e quando arriva la nuova indennità