Il monito del Cts: “Controlli e sanzioni per lo shopping di Natale altrimenti terza ondata a gennaio”


Controlli e sanzioni “rigorose”, altrimenti “salta tutto”. È il monito che arriva dal coordinatore del Comitato tecnico scientifico Agostino Miozzo per regolare la riapertura dei negozi in vista di Natale. “Per evitare l’assembramento da shopping – spiega – ci vorrà un monitoraggio rigoroso e sanzioni rigorose. Se non sarà così salta tutto e a gennaio siamo con la terza ondata”.

A chi chiede se saranno consentiti gli spostamenti tra regioni nel periodo natalizio, che nelle intenzioni del governo a oggi sarebbero da evitare nonostante una timida apertura della sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, Miozzo replica: “Dobbiamo valutare l’andamento della curva epidemica nelle prossime due settimane. Solo in base a quella si potrà decidere”.

“Sappiamo che lo spostamento interregionale è stato una causa di importante diffusione del virus – aggiunge Miozzo – però è anche vero che in questa situazione ci sono esigenze di carattere sociale importanti. Saranno dunque fondamentali i dati ma, anche, i controlli e la possibilità di fare autonomamente dei tamponi rapidi”. È evidente però che, conclude il coordinatore del Cts, “se si potranno autorizzare gli spostamenti, ovviamente non potrà mancare il rispetto rigoroso delle regole”.

Leggi Anche:  La Pignasecca si tinge d'azzurro: commercianti con la maglia di Diego e bandiere

Sulla scuola, Miozzo ribadisce che le lezioni in presenza “sono un elemento fondamentale della crescita e del processo formativo dei nostri ragazzi” e, dunque, la riapertura degli istituti “deve essere una priorità”. Per ora il piano sarebbe quello di riorganizzarsi per ripartire non prima della Befana.

Nei giorni scorsi, dice Miozzo, c’è stato anche un confronto con gli organismi internazionali, a partire dall’Oms e dall’Unesco, per fare il punto della situazione e verificare come anche altri paesi importanti dell’Ue, Francia, Germania e Gran Bretagna, abbiano dato tutti “indicazioni rigorose per il mantenimento dell’apertura delle scuole”. E “noi, come Cts, abbiamo espresso più volte il nostro pensiero, che non è cambiato: riteniamo – sottolinea – che le scuole debbano riaprire, anche perché le indicazioni che sono state date, dal distanziamento, all’uso delle mascherine, fino all’igiene sono state messe in atto. Tutti elementi che riducono i rischi”.

Leggi Anche:  positivi o in quarantena circa 600 tra medici e infermieri

Ma non solo: “Con le dovute precauzioni e il monitoraggio costante – conclude il coordinatore del Cts – la scuola non è un luogo di rischio, fermo restando che il rischio zero non esiste in nessun luogo e in nessun contesto, ma un luogo di informazione e consapevolezza dei rischi che si esprimono con il coronavirus”.

Fonte e diritti di questo articolo
Sei il proprietario di questo articolo e vuoi che venga rimosso? Contattaci sulla nostra Pagina Facebook.

Leggi Anche:  Perché è così difficile decidere se la Campania resta zona gialla Covid o diventa arancione o rossa

Notizie h24 è un portale gratuito di notizie in tempo reale, nel sito puoi trovare tutte le notizie più importanti del giorno. Gran parte delle notizie pubblicate tramite un processo automatico sono prelevate da giornali online e siti verificati. Lo scopo di Notizie H24 è quello di avere una raccolta unica di tutte le notizie più importanti del giorno, così da poter dare più informazioni possibili al lettore in modo semplice. Le pubblicità presenti nel portale ci permettono di mantenere attivo il servizio.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook