Il pignoramento del conto corrente non è sempre possibile: i casi che salvano pensionati, lavoratori e professionisti

Il conto corrente è uno strumento che aiuta a gestire il proprio denaro. Ha un proprio codice identificativo, ovvero l’IBAN.

Questo identifica il proprio conto e può essere comunicato all’INPS per ottenere l’accredito TFR e TFS il più presto possibile.

conto corrente
Canva

Ma attenzione perché sul conto corrente sono in arrivo controlli molto rigidi per lavoratori e pensionati.

Che cosa è il minino vitale

Molti forse non sanno che il conto corrente in caso di determinate circostanze può essere pignorato. Ad esempio, quando non si pagano le tasse oppure le cartelle esattoriale.

Di conseguenza il Fisco può applicare la cosiddetta riscossione coatta, ovvero di “prende” macchina, immobili e anche conto corrente.

In quest’ultimo caso però, per i lavoratori dipendenti e i pensionati è valida la regola del minimo vitale. Cioè: se sul conto vi è una cifra tre volte l’assegno sociale questo non può essere pignorabile.

Leggi anche:  Basket, Supercoppa 2021: Fortitudo Bologna - Venezia 67 - 96, cronaca e tabellino

Attualmente, l’importo dell’assegno sociale è di 460,42 euro, quindi la cifra non pignorabile equivale a 1.381,26 euro. Eventualmente, il pignoramento sarà possibile solo sulle somme eccedenti tale cifra.

In pratica, se un pensionato o un lavoratore dipendente avesse sul conto 2.102 euro, il Fisco potrà pignorare solo 720,74 euro e lasciare sul conto il minimo vitale.

In realtà, il decreto Aiuti bis ha portato una novità sui limiti di pignoramento per i pensionati. Infatti, ha elevato il limite da 750 euro a 1.000 euro. In questo modo a differenza dei lavoratori dipendenti il minimo vitale dei pensionati è pari a 1,5 volte l’assegno sociale.

Conto corrente: se al minimo vitale non può essere pignorato neanche a questi lavoratori

Recentemente la cassazione ha stabilito che il pignoramento del conto corrente non potrà essere eseguito neanche per i liberi professionisti e né per gli autonomi.

Leggi anche:  Vecchie Lire di valore: la classifica ufficiale sorprende tutti

Un’altra novità riguarda l’importo. Infatti, a differenza dei pensionati e dei lavoratori che hanno una cifra già stabilità, in questo caso dovrà essere il libero professionista a decidere quale è la somma giusta da considerare minimo vitale.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia

  1. Telegram – Gruppo
  2. Facebook – Gruppo

In seguito, però fissare questo limite spetterà al giudice che si baserà sulla situazione reddituale e patrimoniale secondo la documentazione presentata dal libero professionista o dal lavoratore autonomo.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Leggi anche:  Turismo, il benessere di comunità sta diventando una leva competitiva (15/06/2022)

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News