In arrivo il Canone Ra sulla pensione: è vero e la domanda scade a breve

È possibile pagare il Canone Rai con la pensione? In che modo e chi riguarda, requisiti e altri aspetti in merito

Desta sempre grande attenzione il canone Rai, e in tanti si interrogano sul tema delle modalità di pagamento e anche se sia possibile pagarlo mediante la pensione. I dettagli a seguire.

Canone Rai pensione
Canva

Ha una storia di lunga data, il Canone Rai, nato diversi anni fa quale tassa di sesso della tv, a parlarne nel relativo approfondimento è Contencorrenteonline.it, che spiega che il possesso del tv dava seguito al relativo pagamento della tassa.

Via via con gli anni, e con la diffusione dei televisori nelle case, il canone è stato esteso a tutti i possessore di un tv, mentre per quanto attiene la modalità di pagamento, quella classica, si legava al saldo di un bollettino.

Tuttavia, come noto nel 2016, anche al fine del contrasto all’evasione del canone, l’allora Governo Renzi inserì il pagamento del canone in bolletta. Una decisione che portò una grande crescita dei pagamenti dello stesso.

Di recente, la Commissione Europea ha chiesto, per ragioni legate a trasparenza e rispetto della concorrenza, di scorporare il canone dalla utenza elettrica, andando a definire il tutto quale “onere improprio”.

In tanti oggi si chiedono come potrebbe cambiare e come potrebbe essere pagato: qui per saperne più.

Leggi anche:  Poche chiacchiere: destra o sinistra, il Reddito di cittadinanza va cambiato (di E. Barucci)

Canone Rai, chi e come può pagarlo con la pensione

A breve scadrà il termine ultimo, ovvero il quindici di novembre, al fine della richiesta per i pensionati di poter addebitare il canone Rai sulla pensione. La quota da pagare si potrà addebitarle lungo 11 mensilità in modo diretto mediante celòdinò pensione.

Una soluzione in grande di rendere maggiormente agevole il pagamento del medesimo canone per coloro che non hanno modo di pagare nella modalità attualmente prevista.

Non tutti però possono fruire di tale modalità di pagamento, ma occorre il rispetto di determinati canoni reddituali. Nel dettaglio, occorre non superare, rispetto al reddito pensionistico, 18mila€.

Il tutto si vincola ad una specifica richiesta da fare agli organi competenti, spiega Contocorrenteonline.it, circa l’accesso al tipo di pagamento sopracitato.

Domanda addebito Canone Rai pensione: come si fa la richiesta

La domanda per aderire a tale specifica modalità che permette al pensionato con reddito minore di 18mila€ il pagamento del Canone Rai mediante 11 rate da spalmare sulla propria pensione va fatta entro il quindici di novembre dell’anno prima.

Nel dettaglio, entro il 15.11.2021 si doveva inoltrare domanda rispetto al canone rai 2022. Ed entro il 15.11.2022 occorrerà far richiesta per pagare a rate il canone Rai 2023.

Leggi anche:  Lavoro agile opportunità per il Sud, ma l'Italia è l'unica ad arretrare in Ue. E dal Dl Aiuti sparisce l'agevolazione per i "fragili"

Tale richiesta si può fare mediante il servizio online INPS (ed occorre lo SPID), o ancora mediante Contact Center al n. 803164 (gratis da rete fissa) o allo 06164164 da rete mobile. E poi tramite gli enti di patronato ed intermediari dell’Istituto, mediante i servizi telematici resi disponibili.

Ciò consentirebbe agli interessati, nel rispetto dei requisiti, di fare domanda entro il 15.11.22 per il pagamento canone Rai in 11 mensilità da 01.23 a 11.23.

Esenzione Canone rai over 75

Altro aspetto da non dimenticare, viene spiegato, riguarda i casi di esenzione Canone Rai. Chi ha più di settantacinque anni, con reddito non maggiore di 8mila€, possono esser esentati dal pagamento della stessa.

Anche in tal caso occorre fare una richiesta specifica, all’Agenzia delle Entrate, e vi sono dei requisiti da tener presente e da soddisfare.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia

  1. Telegram – Gruppo
  2. Facebook – Gruppo

Nel dettaglio, aver compiuto settantacinque anni entro il termine per il pagamento canone TV (attualmente il 31.01 e 31.07 di ogni anno). Poi la non convivenza con altre persone, diverse dal coniuge o dall’unito civilmente, titolare di reddito proprio. Tranne che per collaboratori domestici, colf e badanti. Il possesso di un reddito all’anno, che, insieme a quello del coniuge o dell’unito civilmente, non sia maggiore di 8mila€. Qui, sul sito di Agenzia delle Entrate, per approfondire i casi di esonero e altri aspetti.

Leggi anche:  Green pass, dal 10 ottobre esteso l’obbligo a milioni di lavoratori

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News