In memoria di un uomo e di un mondo – QuotidianoNet


Se n’è andato, l’altra sera a Bologna, l’Esagero. Il suo vero nome era Sergio Caprara, ma per tutti era l’Esagero perché quello era il suo intercalare quando tirava a far mattino con gli amici all’osteria da Vito, alla Cirenaica: e all’udir certi discorsi, e a sentir narrare certe gesta, era solito interrompere con uno scettico “esagerato!”. Ma esagerato era egli stesso, con i suoi quasi due quintali, risultato di smodate comande ad Alberto, lo storico cameriere. Quando gli altri ordinavano un piatto di tortellini, lui ne ordinava tre; quando gli altri mangiavano una tigella, lui ne divorava un vassoio. Dai soprannomi ai nickname In memoria di un uomo e di un mondo 

Tecnico radiofonico, diceva di aver lavorato per il Papa e di aver sistemato le casse negli stadi più prestigiosi del mondo. Quando lo raccontava, si pensava esagerasse. Nessuno gli credeva, ad esempio, quando assicurava di essere diventato amico di Sean Connery, e di avergli fatto da autista ai ricevimenti della famiglia reale. Ma un giorno si era tutti a Roma per un concerto di Lucio Dalla e, nella hall dell’Hilton, si vide Connery sbucar dall’ascensore. Appena riconosciuto l’Esagero, il grande attore gli andò incontro e lo abbracciò. Era dunque tutto vero. Basito, Lucio Dalla si avvicinò per chiedere un autografo e fu l’Esagero, con un cenno del capo, a rassicurare Connery che sì, quell’uomo un autografo se lo poteva anche meritare.

Leggi Anche:  Coronavirus Italia ultime notizie oggi, sabato 7 novembre 2020

Di vita e morte dell’Esagero ha già ben scritto, ieri in cronaca, Giorgio Comaschi, che gli fu amico e compagno di notti bagnate dal vino dei bottiglioni. Ora, dedicare un editoriale all’Esagero può sembrare esagerato. Ma è il suo mondo, è quel mondo a meritare un editoriale. Un mondo popolato, più che da persone, da personaggi, ciascuno con un proprio soprannome. Il mondo dell’Esagero e degli amici di Vito – il Biscio, il Zingaro, l’Architrave, il Gamberone, la Cinna lessa e naturalmente il Maestrone, Francesco Guccini – è lo stesso del Cerutti Gino detto il Drago del bar del Giambellino di Giorgio Gaber, è lo stesso del Càmola, del giocatore Coduri e del baro Rimediotti dei racconti luinesi di Piero Chiara, è insomma il teatro universale di un’umanità e di un tempo che fu. I nickname hanno preso il posto dei soprannomi e i social hanno preso quello delle osterie. È a quel mondo che dedichiamo l’editoriale, per chiederci se forse non abbiamo annebbiato la nostra capacità di stare insieme.

Leggi Anche:  Riforma Pensioni 2021 news, cosa potrebbe cambiare nel nuovo anno

Se n’è andato, l’altra sera a Bologna, l’Esagero, e con lui un po’ del saper vivere.

Fonte e diritti di questo articolo
Sei il proprietario di questo articolo e vuoi che venga rimosso? Contattaci sulla nostra Pagina Facebook.

Notizie h24 è un portale gratuito di notizie in tempo reale, nel sito puoi trovare tutte le notizie più importanti del giorno. Gran parte delle notizie pubblicate tramite un processo automatico sono prelevate da giornali online e siti verificati. Lo scopo di Notizie H24 è quello di avere una raccolta unica di tutte le notizie più importanti del giorno, così da poter dare più informazioni possibili al lettore in modo semplice. Le pubblicità presenti nel portale ci permettono di mantenere attivo il servizio.

Leggi Anche:  Svelati i luoghi dove il Coronavirus si diffonde di più

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook