Incentivi auto elettriche 2022: ulteriori input per i redditi più bassi

Secondo quanto spiegato dall’edizione online de ‘La Repubblica, stanno per giungere interessanti novità relative agli incentivi per le auto elettriche e le Plug-in. Dalle recenti notizie, probabilmente, potrà essere inserita nel decreto Aiuti bis un’utilissima innovazione che consentirebbe di offrire contributi molto più stuzzicanti, logicamente solamente per una determinata fetta di popolazione. Pare che l’intento fosse quello di introdurre un’inedita variabile connessa al reddito, ovvero con un reddito inferiore ai 30 mila euro, l’incentivo aumenterebbe del 50%.

Ad esempio, se si vuole acquistare una BEV il contributo corrisponde a 3 mila euro senza una vecchia auto da rottamare, mentre 5 mila con servizio di rottamazione; quanto ai modelli PHEV l’incentivo è pari a 2 mila euro senza rottamazione e 4 mila euro con rottamazione. Quindi, se la novità precedentemente annunciata dovesse andare in porto, i contributi che si otterranno, in merito ai redditi inferiori ai 30 mila euro, sono così suddivisi: acquisto auto elettrica con rottamazione 7500 euro, acquisto auto elettrica senza rottamazione 4500 euro, acquisto Plug-in con rottamazione 6000 euro e acquisto Plug-in senza rottamazione 3000 euro. È palese che tutto ciò non sia stato ancora ufficializzato, ma certamente si tratta di una novità allettante e a zero costi, considerato che i fondi disponibili per le BEV e PHEV sono piuttosto elevati.

Leggi anche:  J-Ax sulla guerra in Ucraina: il messaggio contro i meme e l'appello alle nuove generazioni

Dunque, tale innovazione permetterebbe di velocizzare l’uso dei fondi che il Governo ha stanziato nel 2022 per queste due categorie di auto elettriche, così da consentire ad una specifica fascia di popolazione di potervi accedere. Inoltre, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) pare voglia inserire un ulteriore nuovo bonus per l’installazione di un punto di ricarica privato: si tratta di un contributo pari all’80%, per un limite massimo di 1500 euro per ogni persona che lo richiede, ma che tende ad aumentare fino a 8 mila euro qualora l’installazione dovesse avvenire nei condomini. Insomma, non ci resta che monitorare la situazione e aspettare la conferma di questa novità.

Leggi anche:  Adesso chi risarcirà la preside del Montale?

Continua a leggere su optimagazine.com

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Eclissi di Luna Rossa nella notte tra il 15 e 16 maggio, a che ora

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook