India. Decine di attiviste Dalit combattono contro gli stupri aiutando le donne e ragazze sopravissute

Condividi articolo tramite:

– Advertisement –

AgenPress – Un gruppo di donne attiviste Dalit in India sta dedicando la propria vita al pericoloso compito di sostenere le donne e ragazze della propria comunità che sono sopravvissute agli abusi sessuali.

Il loro lavoro di solito prevede nel ricostruire i fatti nel villaggio in cui vive una sopravvissuta per aiutarla,  dice Rekha, un’attivista di 24 anni.

Ma “c’è un elemento di paura, perché anche  i colpevoli vivono in quel villaggio, o nelle vicinanze”. 

Queste donne provengono dalla comunità Dalit, ufficialmente anche conosciuta come Scheduled Caste, tradizionalmente posizionata sul gradino più basso di un’antica struttura gerarchica che può confinare gli indiani a un particolare mestiere , scelta del partner coniugale e con cui si mescolano dal momento in cui sono Nato.

La violenza sessuale e lo stupro contro le donne e le ragazze Dalit sono stati messi al centro dell’attenzione, ancora una volta, dopo che una bambina di 9 anni è stata stuprata e uccisa in gruppo nella capitale Delhi il mese scorso. Quattro uomini, tra cui un sacerdote indù, sono stati accusati ma non hanno ancora presentato appello.

Nel 2012, l’anno del famigerato stupro di gruppo di Delhi e dell’omicidio di uno studente su un autobus in movimento, ci sono stati quasi 25.000 casi di stupro denunciato in India , secondo il Ministero degli affari interni indiano. E 1.576 casi di stupro sono stati contro donne Dalit .

Da allora, gli stupri denunciati sono aumentati, con oltre 32.000 registrati nel 2019. Per le donne dalit, il numero è più che raddoppiato, arrivando a 3.486 incidenti . Ma le difficoltà nel denunciare gli stupri in India , soprattutto per la comunità Dalit, fanno sì che le cifre reali possano essere più alte.

Gli attivisti affermano che le donne dalit sopportano il peso della diffusa discriminazione di casta che, sebbene fuorilegge, fa parte del tessuto della vita indiana e colpisce la loro vita quotidiana.

Un rapporto del 2020 dell’organizzazione non governativa Equality Now ha rilevato che la violenza sessuale viene utilizzata dalle caste dominanti per opprimere le donne e le ragazze Dalit a cui spesso viene negata giustizia a causa di una “cultura prevalente dell’impunità, in particolare quando i perpetratori appartengono a una casta dominante. “

Un rapporto di Human Rights Watch pubblicato nel 2017 cita anche casi in cui i sopravvissuti allo stupro delle caste inferiori possono essere molestati dai capi villaggio.

Gli attivisti accompagnano spesso le vittime di violenze sessuali alle stazioni di polizia e all’ospedale per visite mediche, i cui risultati sarebbero utilizzati come prova in tribunale. Questo supporto è necessario perché la polizia non prende sul serio i loro casi, affermano gli attivisti.

“Non appena gli agenti di polizia ci vedono, il loro tono cambia perché siamo donne Dalit”, dice Rekha. “E chiedono perché stiamo accompagnando i sopravvissuti quando possono presentare la propria denuncia”.

– Advertisement –

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte notizie di attualità e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli del giorno da fonti attendibili, così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e sui contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite:
Enable referrer and click cookie to search for pro webber