Istat: occupazione continua a crescere, predomina tempo determinato

(Teleborsa) – Nel primo trimestre 2022 ha continuato a crescere l’occupazione in Italia, a dispetto della fase di rallentamento del PIL, connessa allo scoppio della guerra in Ucraina ed al caro bollette. L’input di lavoro misurato in ore lavorate è aumentato dell’1,5% rispetto al trimestre precedente e del 6,7% rispetto al primo trimestre 2021, più che proporzionalmente rispetto ad una crescita del PIL dello 0,1% in termini congiunturali e del 6,2% in termini tendenziali.

L’occupazione in costante crescita

L’occupazione è cresciuta di 120 mila unità o dello 0,5% nel trimestre, grazie all’aumento dei dipendenti a termine (+72 mila unità o +2,4% in tre mesi) ed in misura minore dei dipendenti a tempo indeterminato (+33 mila o +0,2%) e degli indipendenti (+15 mila o 0,3%). Il tasso di occupazione guadagna 0,4 punti portandosi al 59,7%. Il numero di disoccupati si riduce proporzionalmente di 114 mila è del -5% nel trimestre, così come quello degli inattivi che scendono di 66 mila unità o dello 0,5%. Il tasso di disoccupazione cala di 0,5 punti all’8,6% e quello di inattività do 0,1 punti al 34,7%.

Leggi anche:  Transporter 3 film stasera in tv 25 febbraio: cast, trama, curiosità, streaming

I dati mensili di aprile segnalano un lieve calo degli occupati rispetto al mese precedente (-12 mila, -0,1%), una ulteriore lieve diminuzione dei disoccupati (-17 mila, -0,8%) ed un aumento degli inattivi (+34 mila, +0,3%).

In termini tendenziali l’aumento dell’occupazione (+905 mila unità, +4,1% in un anno) coinvolge sia i dipendenti a tempo indeterminato (+369 mila, +2,6%) e soprattutto a termine (+412 mila, +16,3%), sia gli indipendenti (+124 mila, +2,6%). In forte calo i disoccupati (-415 mila in un anno, -16%) e egli inattivi (-846 mila, -6,1% in un anno). L’aumento tendenziale dell’occupazione si riflette nella crescita del tasso di occupazione (+3,0 punti rispetto al primo trimestre 2021) che si associa alla diminuzione dei tassi di disoccupazione e di inattività.

Leggi anche:  Rosetti Marino copre perdite 2020 e 2021 mediante utilizzo riserve

Cresce domanda imprese

Dal lato delle imprese, le posizioni lavorative dipendenti continuano a crescere ad un ritmo elevato (+1,2% su trimestre e +6,2% su anno); la crescita della componente a tempo pieno (+1,3% e +6%) è leggermente superiore di quella a tempo parziale (+1,1% e + 6,2%).

Le ore lavorate continuano ad aumentare, in termini sia congiunturali (+1,2%) sia tendenziali (+5,8%), e prosegue anche la riduzione del ricorso alla cassa integrazione, che si attesta a 12,9 ore ogni mille ore lavorate.

Il costo del lavoro per unità di lavoro rimane congiunturalmente invariato, quale sintesi di una lieve riduzione delle retribuzioni (-0,1%) e di un equivalente aumento degli oneri sociali (+0,1%). Su base annua, invece, il costo del lavoro si riduce dello 0,2%, per effetto della riduzione di entrambe le sue componenti (-0,2% le retribuzioni e -0,4% gli oneri sociali).

Leggi anche:  Reggio invasa dai rifiuti lascia di stucco De Magistris: "Abbiamo bisogno di una classe dirigente dalle mani pulite, libera e competente" - Il Meridio

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook