Italia, aumenta ancora il deficit energetico ad aprile

Per il mese di aprile 2022, l’Istat stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le importazioni (+7%) che per le esportazioni (+1,5%). L’aumento su base mensile dell’export è dovuto all’incremento delle vendite verso entrambe le aree, Ue (+1,2%) ed extra Ue (+1,8%), con l’Istituto nazionale di statistica che sottolinea che la crescita congiunturale dell’export è trainata soprattutto dalle vendite di energia e di beni di consumo non durevoli. Nel trimestre febbraio-aprile 2022, rispetto al precedente, l’export cresce del 6,9%, l’import dell’11,6%.

Ad aprile 2022, l’export aumenta su base annua del 14,9%: la crescita è più sostenuta verso l’area Ue (+17,7%) rispetto ai mercati extra Ue (+11,9%). L’import registra un incremento tendenziale del 42,4%, che coinvolge sia l’area Ue (+27,7%) sia, in misura molto più ampia, l’area extra Ue (+62,0%).

Leggi anche:  Road to Halloween: “madre!”

Gli acquisti di gas naturale e di petrolio greggio contribuiscono per 15,9 punti percentuali al marcato incremento tendenziale dell’import italiano. Il deficit energetico si amplia ulteriormente – per effetto dei forti rialzi dei valori medi unitari all’import di gas, greggio e prodotti della raffinazione – e raggiunge i circa 31 miliardi nei primi quattro mesi dell’anno. Nello stesso periodo, il deficit commerciale supera ampiamente i 10 miliardi, a fronte di un avanzo di oltre 17 miliardi dei primi quattro mesi del 2021.

Tra i settori che contribuiscono maggiormente all’aumento tendenziale dell’export si segnalano: metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+24,1%), articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+48,4%), prodotti petroliferi raffinati (+123,9%), sostanze e prodotti chimici (+20,3%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+11,0%). Diminuiscono le vendite di autoveicoli (-5,8%).

Su base annua, i paesi che forniscono i contributi maggiori all’incremento dell’export nazionale sono Stati Uniti (con un aumento del 18,9%), Germania (+13,5%) e Francia (+14,5%). Le vendite verso la Russia (-48,4%), in particolare, e verso Cina (-15,9%) e Giappone (-17,2%) risultano in forte calo.

Leggi anche:  Caso Ciro Grillo: la consulenza legale apre all’ipotesi “droga dello stupro”

Nei primi quattro mesi del 2022, la crescita tendenziale delle esportazioni (+20,7%) è dovuta in particolare all’aumento delle vendite di metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+27,9%), articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+31,7%), prodotti petroliferi raffinati (+93,2%) e sostanze e prodotti chimici (+27,4%).

Ad aprile 2022 il disavanzo commerciale è pari a 3 .666 milioni di euro, a fronte di un avanzo di 5.871 milioni dello stesso mese del 2021. Il deficit energetico raggiunge i 9.111 milioni (era pari a 2.849 milioni un anno prima). L’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici si riduce a 5.445 milioni, da 8.720 milioni di aprile 2021. Nel mese di aprile 2022 i prezzi all’importazione crescono del 2,7% su base mensile e del 21,2% su base annua.

Leggi anche:  “Sic”, il documentario sul campione Marco Simoncelli al cinema il 28 e 29 dicembre

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook