Italia seduta su una bomba economica e sociale:si nasce di meno, si invecchia di più

In Italia, ci sono due macigni che pesano sul mercato del lavoro: il Paese che invecchia e la crisi demografica.

Due fattori che allarmano, due grossi punti interrogativi sul futuro dell’Italia. Giorni fa la Fondazione Di Vittorio-Cgil ha comunicato i risultati di una propria ricerca. In sintesi:  nel giro di vent’anni in Italia ci saranno quasi 7 milioni di lavoratori in meno . E aumenterà la popolazione non in età di lavoro, cioè gli Under 15 e gli Over 65. Si prevede una crescita robusta calcolata in 3,8 milioni di persone. Il tema impatta  sul futuro stesso  dell’Italia, sulla sostenibilità sociale ed economica: lavori, pensioni, assistenza, sanità, bassa natalità. E c’è un crescente bisogno di manodopera straniera.
Come dice anche l’Istat,  il declino è già cominciato.

ITALIA: HA PERSO UN MILIONE E MEZZO DI RESIDENTI.

L’Italia è scesa  sotto la soglia dei 59 milioni.  E solo il 38% della popolazione lavora. Scenario inquietante: 23 milioni ne mantengono 37. E 13,5 milioni (23,1%) sono definiti “inattivi”, cioè sarebbero in grado di lavorare ma il lavoro non lo cercano nemmeno.

Leggi anche:  Le famiglie numerose possono richiedere questi 2 bonus tra sconti e 1200 per i figli

A conti fatti lavorano meno di 4 su dieci. I disoccupati veri sono il 3,8% dei residenti.  Eppure le imprese cercano manodopera ed hanno difficoltà a trovarla. Questa difficoltà si chiama “shortage“, in italiano significa carenza, insufficienza, penuria.

Valentina Conte lo ha spiegato su  Repubblica . “È un fenomeno – ha scritto – acutizzato in pandemia e nel frenetico post pandemia soprattutto in agricoltura, logistica, turismo e nelle professioni più qualificate dell’industria. Questa situazione potrebbe cronicizzarsi. Diventare strutturale per mancanza non di profili, ma proprio di lavoratori. E qui il Reddito di cittadinanza non c’entra “.

QUALE FUTURO PER UN PAESE DI PENSIONATI?

Tra vent’anni la popolazione italiana perderà altri tre milioni di abitanti. Da 59 a 56 milioni. Il 5% in meno e l’età media salirà da 46,2 a 50 anni. Avremo meno giovani (-14%) e gli anziani saliranno di 4,9 milioni (+34,6%). Lo squilibrio all’arma.

Leggi anche:  Tajani 'Riforma reddito cittadinanza per taglio cuneo fiscale'

Aumenta  il carico economico e sociale che grava su chi lavora. Che fare allora? Come uscirne? Con interventi immediati sul lavoro, la precarietà, i salari, il regime degli orari. Inoltre occorre cambiare le politiche migratorie – in entrata e uscita – sia numericamente che “dal punto di vista dei diritti delle persone” (Tania Scacchetti, segretaria confederale Cgil).

È l’occasione buona per discuterne in campagna elettorale  – il silenzio finora è stato  imbarazzante – più che di seggi e Potere. O no?

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Terni, multe, agevolazioni a un privato e una società. Il consigliere comunale Fiorini: incomprensibile. E critica assessore e dirigente

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook