Notizie H24

Scopri tutti gli aggiornamenti e le notizie del giorno in tempo reale!

La pressione dei pneumatici “fuori controllo” ha rovinato la gara della MotoGP

Condividi Tramite:



Il pilota Petronas SRT si è piazzato secondo nelle prime fasi della gara di domenica essendo partito dalla pole, ma è subito sceso in classifica.

Quartararo ha chiuso con 21,4 secondi di vantaggio al 18 ° posto e fuori dai punti, il che gli ha fatto perdere il vantaggio in campionato contro Joan Mir della Suzuki – terzo – di sei punti. Il francese ha spiegato che un problema con la sua gomma anteriore ha causato un aumento della pressione dell’aria dopo soli tre giri, ma non è sicuro di quale sia la causa del problema e difende la sua decisione di correre con l’anteriore medio.

“Davvero faticoso perché eravamo lì in buona forma per lottare per un grande risultato, ma dobbiamo scoprire perché la pressione anteriore è andata totalmente fuori controllo, fuori dal normale”, ha spiegato. “Così [I] Mi sento davvero strano perché avevamo il ritmo per lottare, non direi per la vittoria o il podio, ma per i primi cinque, sei. Sarebbe stato fantastico, ma la gomma anteriore è andata fuori controllo e non sappiamo perché.

“Per me la scelta è stata corretta perché i primi tre giri sono stati perfetti. Avevo un ottimo feeling e andava tutto bene, ma il problema era che dal terzo giro avevamo già una pressione molto più alta del normale. E puoi immaginare con 20 giri rimanenti a metà gara quanto fosse alta la pressione, era totalmente fuori controllo e non abbiamo mai guidato in queste condizioni.

“[I] non poteva frenare, non poteva girare, non poteva appoggiare la moto. Quindi, questo è il motivo per cui stavo andando così largo e non potevo fermare la moto “.

Dall’editor, leggi anche:

Quartararo ha subito due pesanti cadute in prova e si è infortunato all’anca, ma dice che le sue condizioni fisiche non gli hanno dato problemi in gara.

Alex Rins della Suzuki ha vinto la gara, con Mir, rivale del titolo di Quartararo, terzo a prendere il comando della classifica per la prima volta. Con una seconda gara in arrivo ad Aragon la prossima settimana, Quartararo ammette che potrebbe avere difficoltà a eguagliarli nel GP di Teruel, ma non è preoccupato che la Suzuki diventi più difficile da battere negli ultimi round.

“Sembra che la Suzuki sia davvero veloce”, ha detto. “Penso che possiamo combattere con loro. Forse ad Aragon è difficile, ma poi arriveremo su piste come Valencia dove normalmente siamo veloci. Nei test di novembre con le nuove gomme stavamo andando così forte lì e penso che possiamo lottare con loro, ma dobbiamo essere davvero intelligenti.

“La prossima gara sarà importante per non perdere punti e cercare di conquistare punti, che per me è così importante. Ma sento che possiamo combattere con loro. Alla fine, sono solo sei punti [to Mir] al momento e possiamo lottare per un grande risultato “.

Potrebbe interessarti anche...