la riforma di Meloni per l’Irpef- Corriere.it

La premier Giorgia Meloni ha indicato il quoziente familiare, insieme con il potenziamento dei nidi e dell’assegno unico per i figli, come gli strumenti che il governo intende utilizzare per favorire le famiglie che fanno figli. I problemi legati a questo tipo di riforma sono dati dal fatto che costosa. Secondo gli studi fatti dal tecnici di Fratelli d’Italia, servirebbero almeno 6 miliardi di euro. Ma che cosa il quoziente familiare? Come funziona? Aiuta davvero le famiglie? Promuove o ostacola il lavoro femminile? Lo abbiamo chiesto ad Alessandro Santoro, docente di Scienza delle Finanze all’universit Bicocca di Milano, ex consigliere del Mef (con il governo Draghi).

Cos’ e a cosa serve il quoziente familiare

Il quoziente familiare un sistema per tassare i cittadini tenendo conto del carico familiare e quindi dei figli, spiega Santoro. Prendiamo un single che guadagna 60 mila euro lordi l’anno e un coetaneo con moglie e due figli con la stessa retribuzione: se il fisco li tassa allo stesso modo, non tenendo conto dei carichi familiari, in qualche modo opera una discriminazione. Ed questo che il quoziente familiare vuole evitare.

Leggi anche:  É sempre mezzogiorno | Ricette | Puntata 13 aprile 2021

Gli svantaggi

Il problema, obietta Santoro, che il sistema del quoziente familiare ha degli svantaggi. Due in particolare: premia soprattutto i ricchi con redditi alti, inoltre disincentiva il lavoro femminile. Bisogna tenere presente che nella stragrande maggioranza delle famiglie italiane le donne guadagnano meno dei mariti/compagni. Con il quoziente familiare si fa in sostanza una media dei due redditi e li si tassa con la stessa aliquota. Di conseguenza il marito che aveva il reddito pi alto ha un’aliquota pi bassa rispetto al caso in cui fosse single mentre la moglie con un lavoro part time avrebbe un’aliquota pi alta, sempre rispetto al caso in cui non avesse famiglia. Le famiglie con uno dei due genitori con un reddito molto alto e il secondo che non lavora sarebbero le pi avvantaggiate. Non escludo che, facendo i conti a casa la sera dopo cena, la famiglia che abbiamo preso come esempio decida che pi conveniente che la moglie rinunci al lavoro per curare i figli, risparmiando sulla baby sitter, e il marito faccia invece qualche ora di straordinario in pi.

Leggi anche:  Giulia Salemi "ha fatto il provino da tronista, ma qualcosa è andato storto"
Il paragone con la Francia

Certo, in Francia, un Paese che ha investito molto sulle politiche per la natalit, il quoziente familiare esiste… Esiste certo ma molto criticato – fa notare Santoro –. Invito per esempio a leggere a questo proposito l’analisi di Emmanuel Saez, Thomas Piketty e Camille Landas nel saggio “Per una rivoluzione fiscale”. Il problema che per neutralizzare l’effetto distorsivo sull’occupazione femminile possibile ma servirebbero correttivi per esempio sul fronte delle detrazioni. In pratica, per evitare le distorsioni servirebbe investire fondi pubblici aggiuntivi. E poi c’ anche un altro aspetto – conclude Santoro -. Noi uno strumento per sostenere chi fa figli ce l’abbiamo gi. ’ l’assegno unico, lo abbiamo appena introdotto. Se ci sono risorse aggiuntive avrebbe pi senso utilizzarle per migliorarlo e potenziarlo.

Leggi anche:  Angelina Jolie accusa Brad Pitt di violenze: rivelata la reazione dell'attore

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News