Categorie
Tecnologia

La Russia svela un nuovo video dell’esplosione della bomba nucleare Zar

Condividi Tramite:


In questi giorni è stato declassificato dalla Russia un nuovo video che mostra l’esplosione della bomba nucleare Zar: la più potente mai esplosa. Anche se in passato sono state rilasciate immagini e altri spezzoni video, questo è nuovo materiale utile per capire un periodo storico complesso.

Bomba nucleare Zar: il nuovo video da 40 minuti

L’esplosione avvenne il 30 Ottobre 1961 con una potenza di 50 megatoni (circa), pari a 50 milioni tonnellate di tritolo. Il progetto iniziale prevedeva invece un ordigno da 100 megatoni. Questa bomba nucleare aveva nome in codice di Big Ivan o conosciuta anche con la sigla RDS-220.

bomba nucleare tzar

Per aumentare il livello di devastazione ed evitare che il suolo assorbisse parte della forza esplosiva, la bomba nucleare Zar venne fatta detonare a 4000 metri d’altezza nella zona dell’isola di Severny (a nord della Russa, tra il mare di Barents e quello di Kara).

Le dimensioni dell’ordigno erano così generose da dover utilizzare un vagone merci (disassemblato e riassemblato) per arrivare fino all’aeroporto di destinazione. Una volta a destinazione, sono stati effettuati i controlli necessari per garantire la piena riuscita dell’operazione.

L’aeroplano scelto fu il Tupolev Tu-95, in grado di trasportare carichi fino a 26 tonnellate. Vista la potenza della bomba nucleare Zar, il bombardiere è stato verniciato con una speciale vernice in grado di proteggere la struttura dal calore generato dall’esplosione, nonostante la grande distanza. Inoltre, la bomba, essendo molto grande, non fu alloggiata dentro la fusoliera ma attaccata all’esterno.

L’esplosione nucleare in video

Al minuto 22:00 del video si può vedere la bomba nucleare venire sganciata dal Tupolev Tu-95 per cominciare la sua discesa (frenata da un paracadute nella zona posteriore). Al minuto 22:45 invece si può vedere l’esplosione mentre l’aeroplano si trovava a 45 km.

Come raccontato, a pochi secondi dall’esplosione, la bomba nucleare Zar aveva già sollevato una colonna di polveri con un diametro di 10 km. Il diametro massimo della zona superiore del fungo raggiunse invece i 20 km mentre l’altitudine toccò i 30 km (nella fase finale invece si raggiunsero anche i 65 km con un diametro di 90 km). Il fungo atomico, nella fase finale, fu visibile da 800 km di distanza così come il flash iniziale e l’onda d’urto.

Dal minuto 26:00 è possibile vedere il risultato dell’esplosione. Terre completamente devastate e sostanzialmente “spianate” dalla forza d’urto. Come fatto notare durante il video, anche nella zona centrale la radioattività era sostanzialmente assente. Secondo quanto riportato: condizioni meteo e altitudine scelta hanno ridotto la diffusione dell’esplosione.

Potrebbe interessarti anche...