«La sfida della crescita»- Corriere.it

Nella notte un punto apparso chiaro a chi guarda l’Italia dalla City di Londra: il Paese non sta tornando al 2018, non ora. Allora l’incertezza dopo il voto e l’emergere di una coalizione fra Lega e Movimento 5 Stelle, che nascondeva a fatica la tentazione dell’uscita dall’euro, innescarono quasi subito una massiccia reazione sui mercati: spread fra titoli italiani e tedeschi a dieci anni quasi triplicato prima ancora che il governo giurasse, sulla base delle spese annunciate e del tentativo di imporre come ministro dell’Economia l’autore di un piano di uscita dall’unione monetaria.

La memoria degli investitori: Meloni era contraria all’euro

Quella fase oggi sembra lontana, anche se la coalizione vincente include alcuni portatori delle idee allora in voga: molti investitori non dimenticano che, fino a pochissimi anni fa, Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia era contraria all’euro ancora pi esplicitamente di Matteo Salvini della Lega. Ma appunto il 2018 sembra lontano e appare plausibile che oggi il mercato non reagisca molto — o reagisca persino positivamente, nell’immediato — alla vittoria del centrodestra. Molti giudicano rassicurante che Meloni — probabilissimo prossimo premier — abbia evitato grandi promesse di spesa, resista all’idea di uno scostamento di bilancio e mantenga una linea filo-atlantica. Dice Fabio Balboni, senior economist a Londra del colosso bancario britannico Hsbc: Non ci aspettiamo che le elezioni allarghino sostanzialmente gli spread, anzi potrebbe persino esserci un recupero per il ridursi dell’incertezza. Rispetto al 2018 lo scenario che consideriamo pi probabile meno di tipo anti-establishment e meno euroscettico, almeno sulla carta. Anche Silvia Ardagna, capo economista europea per la banca londinese Barclays, non vede strappi dello spread stamattina. Il margine di vittoria del centrodestra in linea con le attese — dice —. Non ci aspettiamo una reazione particolare sui mercati.

Leggi anche:  Fatto in casa per voi

Niente di tutto questo significa che la strada sia spianata, per il prossimo governo. Neppure nello scenario, preferito dagli investitori e a quanto pare ora realizzato, che Salvini sia indebolito rispetto alla premier in pectore. La strada non senza ostacoli, in primo luogo, perch il caso britannico ricorda i pericoli per l’Italia: il nuovo governo di Liz Truss ha annunciato un piano di maxi-tagli di tasse non coperti che hanno subito destabilizzato la sterlina e il costo del debito di Londra. Dice il fondatore e Ceo di LB-Macro Luigi Buttiglione, il cui nome stato fatto come possibile ministro dell’Economia nel prossimo governo italiano: La reazione dei mercati agli annunci del Regno Unito un monito ai futuri governanti del nostro Paese su cosa va evitato. A maggior ragione in un contesto di alto debito e limitata sovranit monetaria.

L’incertezza

Proprio questo il fattore che alimenta ora le incertezze. La guerra e la crisi energetica frenano la crescita e alimentano l’inflazione, aumentando la pressione sul governo perch indennizzi famiglie e imprese. Ma gli stessi fattori spingono la Banca centrale europea ad alzare i tassi e, potenzialmente, non riacquistare pi circa 25 miliardi di euro di debito italiano quando scadranno nel 2023. un contesto di potenziale recessione, tassi sul debito in aumento per effetto della Bce e pressione sul governo perch faccia nuovo deficit. Ma i tre elementi, allo stesso tempo, sono incompatibili. Dice Silvia Ardagna di Barclays: Il prossimo governo si trover ad affrontare sfide molto difficili: ci aspettiamo una contrazione dell’economia dal quarto trimestre del 2022 al secondo trimestre del 2023 e un debito pubblico che aumenta l’anno prossimo, anche se probabilmente non di molto. La tentazione politica sar di fare un’espansione di bilancio — continua Ardagna —. Ma se ci avvenisse pensiamo ci sarebbero contrasti con l’Europa.

Leggi anche:  The Serpent Queen: tutto sulla serie dedicata a Catherine de’ Medici
I rendimenti dei titoli

Nei prossimi mesi la stretta della Bce dovrebbe spingere il rendimento dei titoli a dieci anni verso il 5%. A quel punto il governo potrebbe dover togliere gradualmente risorse dall’economia per ridurre il deficit e non perdere il controllo dello spread. Ci pu diventare essenziale perch nel 2023 i titoli nuovi da vendere sul mercato varranno probabilmente 100 miliardi di euro e ce ne saranno pi che altrettanti da rinnovare a costi accettabili. L’uscita imminente della nota aggiornata del Tesoro (Nadef) mostrer che gli spazi per fare nuovo deficit, dopo anni, sono finiti. Dice Balboni di Hsbc: La Nadef potrebbe essere un evento pi importante per i mercati delle stesse elezioni, perch potrebbe restringere in maniera significativa i margini del nuovo governo per fare la legge di bilancio, causando potenziali tensioni fra gli alleati.

Leggi anche:  Il Paradiso delle Signore 6, chi è Ferdinando Torrebruna (Fabio Fulco)?

Luigi Buttiglione pensa che l’unica strada sia fare politiche di rilancio della produttivit e della crescita stimolando l’offerta con meno vincoli, non la domanda con pi deficit. Di certo un avvertimento arriva anche da Sarah Carlson, vicepresidente dell’agenzia di rating Moody’s: Il prossimo governo ha davanti a s importanti sfide sul suo credito, dice.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News