L’altolà di Meloni: “Accordo sul premier o salta l’alleanza”

LaPresse

La leader di Fratelli d’Italia avverte gli alleati alla vigilia del summit: «Ci sono regole che noi abbiamo sempre rispettato, non si capisce perché dovrebbero cambiare»

«Se non dovessimo riuscire a metterci d’accordo» sul nodo della premiership nel centrodestra «non avrebbe senso andare al governo insieme». Alla vigilia del vertice a tre con Berlusconi e Salvini, Giorgia Meloni detta a chiare lettere le sue condizioni. Il candidato premier è chi prende più voti, punto.

«Confido che si vorranno confermare, anche per ragioni di tempo, regole che nel centrodestra hanno sempre funzionato, che noi abbiamo sempre rispettato e che non si capisce per quale ragione dovrebbero cambiare oggi». Niente revisioni né trabocchetti: la leader di Fratelli d’Italia vuole sedersi al tavolo con gli alleati senza il timore di ricevere sorprese. «Chi avrà un voto in più, avrà l’onore e l’onere di indicare il premier», conferma a strettissimo giro Matteo Salvini. Forza Italia, invece, svicola. I vertici del partito, alle prese con l’addio di altri due deputati, temono che indicare Meloni sin da ora possa creare nuove tensioni o far perdere consensi in campagna elettorale.

Leggi anche:  Proroga stato emergenza 2022: cosa comporta per smart working e green pass

La corsa verso il 25 settembre è iniziata e per Meloni la sfida deve essere solo contro il centrosinistra: «Letta fotografa la realtà quando dice che bisognerà scegliere tra Fratelli d’Italia e il Pd. Considero questa una buona notizia perché nel bipolarismo si confrontano identità: centrodestra contro centrosinistra, progressisti contro conservatori. Questo è lo scontro e gli italiani sceglieranno da che parte stare». Meloni, Berlusconi e Salvini si vedranno domani a Montecitorio: appuntamento nel pomeriggio, negli uffici della Lega. Si inizierà a parlare di liste, di collegi, di programmi. «Lasciamo a sinistra litigi e divisioni – propone Salvini – per quanto ci riguarda, siamo pronti a ragionare con gli alleati sul programma di governo partendo da tasse, lavoro, immigrazione e ambiente».

Meloni, chiamata dal Tg5 a elencare tre punti qualificanti del suo programma, spiega: «C’è il tema dell’assetto istituzionale italiano e di una riforma in senso presidenziale: dal presidenzialismo e da un rapporto diretto tra governo e cittadini dipende anche la possibilità di fare tutte le altre grandi riforme. Poi ci sono i temi economici: sostegno all’economia reale, a chi vuole lavorare, alle aziende che assumono. Chi in questa nazione vuole fare non deve essere disturbato dallo Stato. E c’è ovviamente tutto il tema sociale che va dagli anziani, ai giovani, ai nuovi poveri. Ormai non esiste più un ceto medio e una forza sociale come la nostra non può fingere di non vedere».

Leggi anche:  Governo, fonti: i senatori del M5s verso l'uscita dall'Aula del Senato durante il voto di fiducia al decreto Aiuti

Nel 2018 ricorda il senatore Giovanbattista Fazzolari, responsabile del Programma per FdI, «esisteva un programma di coalizione molto stringato e ogni partito aveva il proprio. Sarà così anche questa volta». Quel programma in realtà, è tornato alla ribalta in queste ore rimbalzando polemicamente sui social perché, se è vero che con il suo impegno a ridiscutere trattati europei ed euro è datato quattro anni fa, è altrettanto vero che nessuno da allora lo ha rimosso dal sito.

FdI comunque non rinuncerà ai punti qualificanti della sua azione politica: come per il premier «saranno gli italiani a scegliere, con il voto, il programma più adatto a governare. Saranno le primarie delle idee», propone Fazzolari. Oltre ai punti elencati da Meloni, ci saranno altri temi cari al partito di via della Scrofa: abolizione del reddito di cittadinanza e del tetto al limite del contante; istituzione di un ministero del Mare; flat tax al 15% sul reddito incrementale; sostegno alla natalità. In materia di sicurezza via libera ai decreti sicurezza salviniani («Quelli fatti col Conte I erano al ribasso») e blocco navale.

Leggi anche:  Pensione di reversibilità, può essere tagliata: ecco la novità e limiti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 3,99€/mese per 3 mesi

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook