Le famiglie numerose possono richiedere questi 2 bonus tra sconti e 1200 per i figli

In questo periodo di forti rincari le famiglie numerose possono contare su due importanti bonus per risparmiare. 

Non bastava la pandemia che, nonostante l’allentamento delle misure restrittive con l’arrivo dell’estate, continua a creare disagi per molte famiglie e ha aggravato la situazione economica di cittadini e nuclei familiari che si trovano ancora in difficoltà. A questo si è aggiunto lo scoppio della guerra in Ucraina e le sanzioni alla Russia che hanno generato nuovi problemi agli italiani. 

Proprio per questi motivi, il governo è intervenuto con una serie di aiuti per sostenere cittadini e famiglie in questo periodo di difficoltà. Non solo sono stati introdotti nuovi bonus, per esempio quello in favore dei lavoratori, ma sono anche stati messi in campo interventi di rafforzamento di misure già esistenti come gli sconti in bolletta che, nel caso delle famiglie numerose, offrono una possibilità in più di rientrare nella platea dei beneficiari. 

A registrare maggiori difficoltà economiche sono anche spesso le famiglie che hanno più di tre figli a carico. Anche in questo caso, però, il governo ha permesso di ricevere soldi in più per sostenere le famiglie bisognose. Con la nuova misura per i figli a carico, infatti, se presenti almeno quattro figli a carico si ha diritto a 1.200 euro in più all’anno. 

Chi può avere gli sconti in bolletta e quali vantaggi per le famiglie numerose 

Con i costi delle bollette di luce e gas che diventano sempre più ingenti, il governo è dovuto intervenire in favore di cittadini e famiglie con un occhio di riguardo per coloro che si trovano già in condizioni economiche sfavorevoli. 

Ricordiamo che, per coloro che si trovano in difficoltà economiche, esistono degli sconti che vengono applicati in bolletta (di luce, gas e acqua) e per i quali è necessario essere in possesso di specifici requisiti. 

Leggi anche:  Imperia, 88 docenti dell'Amoretti e Artistico in rivolta: "Vogliamo spazi adeguati e sicuri"

Tra questi, la certificazione ISEE che, in Italia, viene utilizzata proprio per determinare l’accesso a specifiche misure di sostegno oppure per determinare il valore di bonus e prestazioni statali. 

In particolare, il governo ha deciso di innalzare le soglie ISEE che danno accesso a questi importanti bonus. Questa è stata portata dagli 8.265 euro originari ai 12.000 euro, ampliando così la platea delle famiglie beneficiarie. 

Rimane, invece, invariata la soglia ISEE stabilita proprio per le famiglie numerose. Queste, infatti, hanno diritto a ottenere il bonus se hanno un ISEE che non superi i 20.000 euro. Il limite da non superare, quindi, si alza per le famiglie in cui sono presenti almeno quattro figli a carico. 

Inoltre, gli sconti in bolletta vengono riconosciuti anche ai percettori di reddito o pensione di cittadinanza. 

Come richiedere gli sconti in bolletta e cosa significa bonus retroattivo

Le famiglie numerose possono, quindi, anche per i prossimi mesi, ottenere gli sconti in bolletta se hanno un ISEE non superiore ai 20.000 euro. 

Per ottenere questo tipo di bonus non è necessario presentare un’apposita domanda. Tutto ciò che deve fare la famiglia per ottenere gli sconti in bolletta, infatti, è presentare la DSU e, quindi, ottenere un ISEE in corso di validità (ISEE 2022). 

Ma le condizioni di accesso agli sconti sono state ulteriormente facilitate. In particolare, ora hanno la possibilità di ottenere gli sconti anche le famiglie che hanno già pagato le bollette e che decidono di presentare l’ISEE solo successivamente. 

Leggi anche:  Tantissimi sconti e agevolazioni in arrivo con la Carta Famiglia 2022: chi può richiederla

Il bonus, infatti, è diventato retroattivo: gli sconti saranno garantiti a tutti a partire da inizio anno (quindi, da gennaio) per tutti coloro che avranno raggiunto la soglia dei 20.000 euro per le famiglie numerose, di 8.265 euro oppure di 12.000 euro (in quest’ultimo caso l’erogazione parte ad aprile, mese durante il quale è stata innalzata la soglia ISEE per beneficiare degli sconti). 

Non solo sconti: quali bonus nel 2022 per le famiglie numerose con almeno quattro figli

Se i rincari hanno di certo messo a dura prova le tasche di molti italiani, è pur vero che le famiglie numerose hanno diverse spese da sostenere, specialmente se in famiglia sono presenti più di tre figli a carico. 

Proprio per queste famiglie, negli anni il governo aveva introdotto diverse misure specifiche. Bonus che, con l’arrivo della nuova misura unica e universale per i figli a carico, sono stati sostituiti e non possono più essere richiesti (per esempio, l’assegno per il terzo figlio dei Comuni).

Le famiglie numerose, però, non perdono del tutto il diritto di ottenere bonus aggiuntivi. L’arrivo del nuovo assegno per le famiglie, infatti, ha tenuto conto di tutte quelle situazioni nelle quali c’era il rischio di perdita, da parte delle famiglie, rispetto alla condizione precedente l’arrivo dell’assegno unico. 

Proprio per questo motivo, sono state previste della maggiorazioni. 

Per le famiglie numerose con almeno quattro figli ci sono 1.200 euro in più all’anno. 

L’assegno per i figli a carico prevede una serie di maggiorazioni che vanno ad aggiungersi al valore spettante, il quale dipende dal numero di figli presenti nel nucleo familiare e dal valore dell’ISEE (importi più consistenti per famiglie con ISEE fino a 15.000 euro che man mano scendono all’innalzarsi dell’ISEE). 

Leggi anche:  USA, permessi edilizi maggio - 7% apertura cantieri - 14,4%

Già per i figli successivi al secondo, la famiglia comincia ad avere diritto a ottenere delle maggiorazioni. Le famiglie numerose, e dunque quelle in cui sono presenti almeno quattro figli a carico, invece, possono ottenere una quota fissa, cioè che non dipende in alcun modo dal valore dell’ISEE. 

Le famiglie numerose, quindi, hanno a disposizione 100 euro di bonus (maggiorazione) al mese e, dunque, 1.200 euro all’anno in più. 

Il bonus è automatico, ciò significa che basta fare domanda per l’assegno unico oppure, in caso di nascita del figlio successiva alla presentazione della richiesta, comunicare la variazione all’INPS.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook