Le idee dei partiti per aumento stipendi 2023, ma subito decontribuzione da Agosto – Dicembre

Quali sono le diverse proposte insieme a bonus 200 euro esteso per i prossimi mesi o la decontribuzione che sembra prendere sempre più piede dei vari partiti per aumenti stipendi dal 2023? In circa una settimana il governo Draghi è ufficialmente caduto: resterà a lavoro sui cosiddetti affari correnti fino alle prossime elezioni, che si terranno subito. Sono, infatti, in programma il prossimo 25 settembre.

E’, dunque, molto poco il tempo per definire equilibri politici e alleanze, liste e candidati. E in quadro di gran caos al momento, mentre il dimissionario premier Draghi con la sua squadra di governo lavora per chiudere la partita sul decreto aiuti bis, iniziano a farsi sentire propagande e punti di programmi politici che devono ancora ben essere definiti. Vediamo cosa prevedono le proposte attuali dei diversi partiti su aumenti stipendi.

  • Aumento degli stipendi 2023 le proposte di Fratelli di Italia
  • Quali sono le proposte del Pd per aumentare stipendi 2023 
  • Aumento stipendi 2023 e proposte M5S
Leggi anche:  La Guerra dei Mondi film stasera in tv 6 maggio: cast, trama, streaming

Aumento degli stipendi 2023 le proposte di Fratelli di Italia

Mentre si discute della proroga del bonus 200 euro anche per i prossimi mesi, fino alla fine dell’anno, e quindi da agosto a dicembre, diverse sono le proposte per aumentare gli stipendi 2023 nel programma di Fratelli di Italia, prima tra tutte quella di cancellare il reddito di cittadinanza, considerato male impostato e mal funzionante, e sostituirlo con un’altra misura di sostegno al reddito. Si tratta dell’assegno di solidarietà universale.

Si tratterebbe di un contributo finanziato con le risorse derivanti dall’abolizione del Reddito di cittadinanza e del Reddito di emergenza, che dovrebbe avere durata di 12 mesi e di importo di 300 euro a nucleo familiare, suscettibili di aumentare fino a 250 euro per ogni componente oltre il primo e fino a un massimo di 750 euro.

Quali sono le proposte del Pd per aumentare stipendi 2023 

Aumentare gli stipendi per dare maggiore potere di acquisto ai lavoratori e contrastare così inflazione e caro prezzi è tra i punti principali del programma del Pd che, come annunciato, avrebbe intenzione di portare avanti la cosiddetta agenda Draghi e quindi:

  • introduzione del salario minimo che dovrà essere applicato da tutte le aziende in assenza di un contratto collettivo;
  • nuovo taglio del cuneo fiscale, per ridurre le tasse e aumentare di conseguenza gli importi in busta paga dei lavoratori;
  • istituzione di una dote ai 18enni, contributo di 10mila euro destinato a chi diventa maggiorenne, la cui erogazione si baserà sul valore Isee, e che sarà finanziato dalle successioni dell’1% degli italiani, su eredità e donazioni di valore superiore ai 5 milioni di euro. 
Leggi anche:  Personale sanitario non vaccinato sospeso senza stipendio, per il Tar Lombardia non è dignitoso. Anief: l'abbiamo sempre sostenuto

Aumento stipendi 2023 e proposte M5S

Introdurre il salario minimo ma anche valorizzare i Ccnl di riferimento cancellando i cosiddetti contratti pirata e garantendo equità retributive: sono questi, invece, gli obiettivi del M5S per assicurare a tutti i lavoratori aumenti di stipendio tali da permettere a tutti di poter contrastare l’attuale inflazione e condurre uno stile di vita dignitoso e non di stenti dopo giornate di lavoro, impegno e sacrifici continui. 
 

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Stipendi italiani al palo: un lavoratore su quattro guadagna meno di 780 euro al mese

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook