Letta: ‘Lavoro, diritti e sostenibilità al centro del programma democratico’ – Agenzia Nova

Letta

Lavoro, diritti e sostenibilità sociale e ambientale. Questi i capisaldi del programma elettorale del Partito democratico, “Insieme per un’Italia democratica e progressista“, approvato oggi all’unanimità dalla Direzione nazionale. Un programma che, nelle parole del segretario dem, Enrico Letta, mira a far sì che “l’Italia vada avanti e non torni indietro, come accadrebbe invece con un’eventuale vittoria della destra”. E questo in modo particolare sul tema dei diritti, su cui Letta ha molto insistito: “I video spagnoli della Meloni raccontano un’idea dei diritti delle persone, di organizzazione della società e delle relazioni tra le persone che rappresentano un ritorno indietro”. “Approveremo subito il ddl Zan e introdurremo il matrimonio egualitario”, si legge nel programma Pd. “Un paese civile – prosegue il testo – non esclude, non emargina, non ghettizza. Le battaglie della comunità Lgbtqi+ sono semplicemente richieste di uguaglianza: sono la voce di milioni di italiane e italiani che rivendicano libertà e autodeterminazione, che vogliono pari dignità”. “Per la destra non è mai il momento, noi crediamo che l’Italia sia già in ritardo”, si legge ancora nel programma. E poi l’introduzione dello Ius Scholae, “per superare le ingiustificate discriminazioni che ancora oggi vediamo nelle classi italiane”. “È il momento – si sottolinea nel documento dem – di introdurre una norma che non è solo civiltà: è prima di tutto buonsenso. Chi è figlio di genitori stranieri e completa un ciclo di studi in Italia diventa cittadino italiano”. Nel programma anche l’approvazione di una legge sul fine vita, “per difendere fino all’ultimo dignità e autodeterminazione, in linea con le indicazioni della Corte costituzionale”, e la “legalizzazione dell’autoproduzione della cannabis per uso personale”.

Leggi anche:  The Boys 3x05 Recensione: la quiete prima della tempesta

Sul fronte del sostegno ai redditi medio-bassi, il programma afferma la volontà di “garantire la piena gratuità del trasporto pubblico locale e dei libri scolastici per le famiglie a reddito medio e basso (in base all’Isee)”. Via libera anche al salario minimo e al Reddito di cittadinanza: “Dopo l’introduzione del salario minimo e del Reddito di cittadinanza (che andrà opportunamente ricalibrato secondo le indicazioni elaborate dalla Commissione Saraceno, a partire dall’ingiustificata penalizzazione delle famiglie numerose e/o con minori) è necessario completare il sistema con un altro meccanismo: l’integrazione pubblica alla retribuzione (in-work benefit) in favore dei lavoratori e delle lavoratrici a basso reddito, come proposto dalla Commissione sul lavoro povero”. Sul fronte della riforma fiscale – si legge – “la nostra proposta è volta a realizzare una riduzione del carico Irpef a partire dai redditi medi e bassi e una razionalizzazione delle agevolazioni fiscali, trasformando quelle di valenza sociale (spese sanitarie, scolastiche, etc.) in erogazioni dirette ai contribuenti (compresi gli incapienti): vogliamo aumentare gli stipendi netti fino a una mensilità in più con l’introduzione progressiva di una franchigia da mille sui contributi Inps a carico dei lavoratori dipendenti e assimilati (a invarianza di computo ai fini pensionistici), destinando a tale scopo il recupero di evasione fiscale fissato come obiettivo dal Pnrr entro il 2024”.

Leggi anche:  'Ndrangheta, confiscati 160 milioni di euro ad un imprenditore reggino: ci sono oltre 300 immobili

Tra i punti del programma dem anche l’approvazione della nuova “Carta delle Autonomie Locali”, con l’obiettivo di “valorizzare pienamente i Comuni, le Province e le Città metropolitane come istituzioni costitutive della Repubblica che curano gli interessi delle loro comunità e contribuiscono allo sviluppo inclusivo e sostenibile del Paese”. “Al tempo stesso – si legge – riteniamo non sia più rinviabile una stabilizzazione dei bilanci dei Comuni, delle Province e delle Città metropolitane”. “Riteniamo – prosegue – che ciò vada fatto attuando la riforma per il completamento del federalismo fiscale”. “Riteniamo inoltre si debba rafforzare la capacità amministrativa delle autonomie locali facilitando l’immissione di personale qualificato necessario per garantire l’esercizio delle funzioni fondamentali attribuite a ciascun ente e la realizzazione degli investimenti pubblici”, si legge. Sul tema energetico, il programma rammenta la necessità di coniugare indipendenza energetica e sostenibilità ambientale, evidenziando che “il ricorso ai rigassificatori appare necessario, ma a condizione che essi costituiscano soluzioni-ponte, che rimangano attivi solo pochi anni e che possano essere smobilitati ben prima del 2050, proprio per non interrompere la prospettiva della transizione ecologica”. “I territori dove verranno installati – aggiunge il testo – dovranno inoltre essere coinvolti nelle decisioni e adeguatamente compensati per l’impatto economico e sociale attraverso l’istituzione di un fondo ad hoc”.

Leggi anche:  Allarme, gli aerei rischiano di non volare: cosa sta succedendo

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook