L’INPS paga un importante assegno di 5.000 euro a queste donne con figli e ISEE basso

INPS ancora a sostegno delle donne. Anche nel 2022 le mamme con figli fiscalmente a carico potranno ottenere ricchi aiuti da parte dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Un assegno complessivo di 5.000 euro spetta alle madri con reddito ISEE basso. Vediamo subito chi sono queste beneficiarie e le ultime novità a riguardo.

Le donne madri sanno benissimo che dare la vita ad un figlio è la cosa più bella di questo modo. Lo stesso si potrebbe dire per quelle che decidono di prendere in adozione o in affidamento un bambino. 

Purtroppo, garantire ai propri figli un’esistenza quanto meno dignitosa non è solo faticoso, ma richiede un esborso monetario importante. Fortunatamente, il Governo insieme all’INSP non hanno mai fatto mancare il loro sostegno alle famiglie.

Basti pensare ai numerosi Bonus introdotti a favore delle donne, e delle famiglie nel loro complesso, voluti per ammortizzare la crisi economica causata dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, insieme ai recenti sussidi, invece, introdotti per fronteggiare i problemi sorti come diretta conseguenza del conflitto Russia Ucraina.

Tra questi spunta proprio un assegno complessivo di 5.000 euro appositamente pensato per le donne che si occupano di crescere i propri figli. 

Se sei una mamma non puoi lasciarti sfuggire questa chance. Basta solo rispettare specifici requisiti stabiliti dall’INPS per beneficiare del contributo e il gioco è fatto. 

Leggi anche:  La conferenza film stasera in tv 29 gennaio: cast, trama, streaming

Vediamo subito quali sono le misure che vanno a comporre l’assegno complesso di 5.000 euro, chi sono le donne potenziali beneficiarie e come farne domanda.

Ecco tutti gli ultimi aggiornamenti.

L’INPS paga un importante assegno di 5.000 euro a queste donne con figli e ISEE basso

A questo punto, viene spontaneo chiedersi quali sono le misure fatte confluire nell’assegno annuo di 5.000 euro indirizzato alle donne, mamme, con un reddito ISEE basso.

La prima agevolazione è stata introdotta quest’anno. Il riferimento è all’Assegno Unico e Universale  messo a punto dal Governo Draghi per tendere una mano alle famiglie con figli a carico fino a 21 anni di età. 

Stiamo parlando di un contributo molto importante sul piano economico, ottenibile anche senza presentazione della certificazione ISEE. 

Ebbene, grazie a tale contributo le donne possono ottenere da parte dell’INPS un assegno mensile di 175 euro.

La seconda agevolazione viene pur sempre erogata dall’INPS, ma la domanda va presentata al proprio Comune di residenza. 

Si tratta dell’assegno di maternità che permette di ottenere fino a 1.700 euro da impiegare esclusivamente per la cura e l’assistenza dei figli più piccoli.

Il terzo assegno che insieme agli altri concorre a determinare l’assegno annuo di 5.000 euro è il Bonus bebè. Anche in questo caso si tratta di un contributo richiedibile dalle donne che hanno da poco messo al mondo o preso in affidamento un bambino.

Leggi anche:  Tari: il Comune aiuta le famiglie con un contributo

E gli importi per queste sono particolarmente interessanti: si possono ottenere fino a 500 euro di assegno, ma solo una tantum.

Ancora più ricco è l’assegno corrisposto dall’INPS come premio alla nascita. Stiamo parlando del Bonus mamma domani comunque destinato ad estinguersi a seguito dell’entrata in scena dell’Assegno Unico e Universale.

Per il momento, però, può ancora essere richiesto. 

Gli 800 euro di premio alla nascita spettano, infatti, a tutte le donne interessate da una nascita entro il 28 febbraio 2022. Le stesse avranno tempo di presentare domanda all’INPS fino al 28 agosto 2022, trascorsi 6 mesi dalla nascita del proprio figlio.

A conti fatti, rimane poco tempo per richiedere l’assegno di nascita da 800 euro. Per quanto concerne i beneficiari, possono presentare domanda INPS per l’ottenimento del Bonus mamma domani tutte le donne italiane e straniere, quest’ultime in possesso di regolare permesso di soggiorno.

Come presentare domanda per ottenere l’assegno complessivo INPS di 5.000 euro

Come avuto modo di vedere nei precedenti paragrafi, sono tante le misure che concorrono alla determinazione dell’assegno complessivo di 5.000 euro interamente dedicato alle donne con figli a carico, con ISEE basso.

Per questo motivo la modalità di richiesta cambia a seconda del Bonus desiderato. 

Per i contributi erogati dall’INPS (Bonus mamma domani, assegno di 800 euro, Assegno Unico e Universale) la domanda va inoltrata dal sito internet dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

In tutti gli altri casi, basta rivolgersi al Comune di residenza per presentare la domanda prendendo in considerazione la scadenza indicata nel bando di partecipazione.

Leggi anche:  Dalla flat tax al reddito di cittadinanza, ultime promesse dei politici

Il consiglio che sentiamo di darvi, pertanto, è quello di consultare frequentemente il bando pubblicato sulla pagina internet ufficiale del proprio Comune di residenza per non correre il rischio di rimanere con un pugno di mosche in mano.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook