M5s, il sondaggio riservato di Conte manda tutti in tilt. Chat infuocate, siluro al Pd in vista delle politiche 2023

Nelle chat grilline alla vigilia del faccia a faccia tra Giuseppe Conte e il premier Mario Draghi di lunedì 4 luglio c’è grande confusione: stare nel governo o uscire dalla maggioranza? Il clima è teso, anche alla luce dell’avvertimento di Dario Franceschini: in caso di strappo del Movimento 5 stelle addio all’alleanza con il Pd per le elezioni politiche del 2023. 

 

Non sa fare il capo. Pasquino asfalta Conte in diretta tv. E sull'autunno...

L’aut aut non piace a chi, nel Movimento, vuole recuperare l’anima primigenia della creatura politica nata dall’incontro tra Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. E così nelle chat pentastellate è iniziato a girare un sondaggio riservato, realizzato da Swg per uso interno, commissionato all’indomani della scissione di Luigi Di Maio e dei transfughi di Insieme per il futuro. 

 

Conte medita lo strappo finale con Draghi. E tra i grillini scoppia il panico per il voto anticipato

Ma cosa dice questo sondaggio? La metà dei sostenitori del M5S preferirebbe che il Movimento si presentasse da solo alle elezioni, senza alcuna alleanza, tantomeno col Pd. A rivelarlo è l’Adnkronos  che ha visionato i messaggi che gli eletti grillini si stanno mandando in queste ore convulse. Insomma, un elettore su due della base M5s chiede un ritorno all’idea di Casaleggio, niente alleanze, già rimangiata ex post dopo il boom elettorale del 2018 che ha portato il M5s a governare con tutti. Dalla rilevazione Swg emerge che solo un sostenitore su tre vorrebbe il M5S in alleanza con il Pd di Enrico Letta, residuale la quota di chi si abbinerebbe col centrodestra. 

Leggi anche:  “Santa Maradona”, Stefano Accorsi e Libero De Rienzo ribelli come Diego Armando stasera in tv

 

Superbonus, termovalorizzatore di Roma e Reddito di cittadinanza: Conte ricomincia da tre

Altra nota dolente, nella galassia grillina, è la deroga possibile alla regola dei due mandati. Soltanto il 20% degli elettori M5S la abolirebbe, mentre per il 35% va tenuta così com’è. Per oltre un terzo, tuttavia, sarebbero accettabili eccezioni. Un dato, quest’ultimo, che ha sorpreso e che starebbe convincendo i vertici, compreso Conte, ad aprire al voto su una possibile “micro deroga” che salvi una manciata di fedelissimi, riferiscono fonti qualificate. Una mossa che rappresenterebbe un ulteriore allontanamento dallo spirito primigenio dell’uno vale uno. Come disse lo stesso Casaleggio: “Ogni volta che deroghi ad una regola praticamente la cancelli”.

Leggi anche:  Casella: 'Tre punti fondamentali, ma non guardiamo la classifica'

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  La Pro vince ancora e tiene il passo del Padova

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook