Marini: «Acqua Panna corre e la crisi dei trasporti non ci fa soddisfare tutta la domanda»



«Abbiamo seminato bene nel 2020, durante la pandemia, e questo nel 2021 ci ha permesso poi di ripartire in modo più veloce rispetto all’andamento del mercato». Stefano Marini, amministratore delegato del gruppo Sanpellegrino, commenta così i risultati 2021 della divisione acque minerali del colosso multinazionale Nestlè. L’anno si è chiuso con un fatturato di 878 milioni di euro e 3,5 miliardi di bottiglie prodotte, recuperando i valori pre Covid. Un quadro determinato anche dalle ottime performance di Acqua Panna, che sul mercato italiano ha registrato un incremento del 32%, e si è fatta valere anche all’estero, forte dell’immagine fiorentina e toscana che veicola, rafforzata dall’impegno per la sostenibilità e per la difesa della biodiversità del territorio da cui l’acqua sgorga, in Mugello.

Marini, com’è stato il 2021 di Acqua Panna nel mondo?


«Acqua Panna è stata la marca che l’anno scorso è cresciuta di più nel nostro gruppo: è cresciuta quasi del 40% a livello internazionale. Noi abbiamo due mercati principali per Panna, che hanno più o meno lo stesso peso: gli Stati Uniti che pesano il 31%, mentre un altro 30% è rappresentato dall’Italia. Poi ci sono altri 130 Paesi, perché oggi Acqua Panna è distribuita veramente ovunque. La Germania è il suo terzo mercato, e poi c’è la Cina, che l’anno scorso ha avuto una crescita del 44% rispetto all’anno precedente: è un mercato nel quale crediamo, e dove il Made in Italy ha una particolare presa sul consumatore».

Leggi anche:  Romina Power senza freni | Bortone prende le distanze: “non prendete droghe”

Quali sono le ragioni di questa crescita così impetuosa in Cina?

«In Cina la crescita di Panna è legata al mondo Horeca (bar, hotel, ristoranti, ndr), insieme a Sanpellegrino, ma è forte anche l’accelerazione sull’e-commerce, che in Cina è molto sviluppato. La crescita è dovuta a investimenti specifici, anche sul suo posizionamento di toscanità, sul fatto di sgorgare da un territorio unico, la Toscana, che è percepito come eccellenza. Siamo ancora nella fase di creazione della conoscenza della marca, che in questo momento sta pagando. Con questo tasso di crescita siamo ottimisti, lockdown cinesi permettendo».

In generale qual è stato l’andamento dei brand del gruppo?

«Soprattutto nell’Horeca abbiamo fatto registrare risultati positivi che continuano anche nei primi quattro mesi di quest’anno, e che sono più veloci del mercato stesso. Abbiamo avuto una crescita in doppia cifra, quasi all’11% l’anno scorso, sulla parte internazionale: ma siamo cresciuti enormemente anche sul mercato italiano. Sostanzialmente i valori del 2021 hanno superato il 2019 pre Covid da un punto di vista dell’export, e si sono attestati molto vicini ai valori pre Covid sul mercato domestico».

«Lo scoppio della guerra in Ucraina ha esacerbato questo tipo di criticità. In questo momento abbiamo preoccupazioni soprattutto nell’area del trasporto».

Avete difficoltà anche nella produzione, ad esempio per l’imbottigliamento?

«In questo momento non stiamo vedendo interruzioni dal punto di vista della nostra filiera: sebbene ci siano situazioni critiche, abbiamo da sempre un approccio volto ad avere un pool di fornitori, per minimizzare il rischio di rimanere privi di materiali. Non abbiamo avuto nessuna interruzione, però sicuramente stiamo vivendo una situazione di contingentamento, sia per le nostre spedizioni internazionali che anche in Italia: non possiamo in questo momento, paradossalmente, evadere tutto quello che potremmo rispetto a una domanda che è altissima, soprattutto sulla parte out-of-home e Horeca. I primi cinque mesi di quest’anno sono stati estremamente alti dal punto di vista dei consumi, e quindi della richiesta dei prodotti, in particolar modo nel mondo da parte di hotel, bar e ristoranti. Ma la situazione attuale, soprattutto nei trasporti, ci sta impedendo di cogliere in pieno questo tipo di opportunità».

In questo contesto Acqua Panna soffre di più?

«Pensiamo a come aumentare la capacità di caricamento del prodotto, dunque una gestione migliore dello spazio e dei flussi rispetto alla possibilità di poter aumentare il numero di camion che possono uscire e caricare prodotti. Ma pensiamo che ancora fino alla metà del 2023 ci sarà una limitazione della capacità di spedizione fuori dall’Italia».

Il gruppo Sanpellegrino negli ultimi anni ha fatto importanti investimenti per le bottiglie da materiale riciclato e per i biocarburanti nella logistica: continuerete in questo percorso?

«Questa è la direzione che abbiamo scelto, vogliamo far evolvere il modello di business in una direzione più sostenibile. Stiamo stati i primi ad inserire le bottiglie in plastica riciclate al 100%, e adesso stiamo ampliando la gamma».

Il vostro impegno per la sostenibilità ambientale è destinato a proseguire?

«Abbiamo iniziato da Acqua Panna perché la sua riserva naturale, in Mugello, è un elemento estremamente importante. La valorizzazione del capitale naturale diventa un elemento cardine anche del fare business, di come un brand può diventare davvero un esempio di forza positiva».

La newsletter

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Firenze iscriviti gratis alla newsletter del Corriere Fiorentino. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui

6 giugno 2022 | 11:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News