Categorie
Cronaca

Meteo, temperature ancora in ribasso per lunedì: sotto la media stagionale sino a mercoledì

Condividi Tramite:


Ormai si capito cosa successo in queste ultime ore: la guerra tra anticiclone africano (caldo) e fronte di aria fredda in arrivo dalla Groenlandia stata vinta da quest’ultimo — con il corollario di trombe d’aria, grandinate e danni alle coltivazioni — abbassando in modo drastico le temperature, soprattutto al Nord e al Centro. Che, almeno per tutto luned, non risaliranno. E anzi: nelle prossime ore dovrebbero addirittura ulteriormente scendere, secondo le previsioni fornite da ilmeteo.it. Nel Settentrione dai 30 di appena due giorni fa si passati ai 18 odierni a Milano , ai 16 registrati in Piemonte alle 10 della mattina e ai 20 di Bologna. Repentina discesa anche in Toscana e nel Lazio: tra Firenze e Arezzo siamo attorno a 18 mentre a Roma si veleggia sui 20 (ma erano 32 sabato).

Sotto la media stagionale

Non fa caldo nemmeno in Sardegna dove la colonnina di mercurio su attesta in media, anche qui, sui 18. Record negativi ad Aosta e Bolzano, con 14 e 13. Temperature destinate in qualche modo a cristallizzarsi (e anzi: in calo) nelle prossime 24 ore anche per via dei ripetuti rovesci attesi praticamente in tutta Italia, con nubifragi pesanti soprattutto nel Nord Est e lungo tutta la dorsale Adriatica. Per un rialzo si deve aspettare marted mattina, grazie ad un aumento di pressione soprattutto al Nord e al Centro. Mercoled, torna qualche temporale al Nord, specie sulle Alpi, sugli Appennini e in Emilia, sar pi asciutto e soleggiato sul resto d’Italia. Bel tempo al Sud. Ma temperature sotto la media stagionale al Centro-Nord.

Allerta arancione a Bolzano, in Veneto e nel Lazio

Sul fronte maltempo si registrano ancora preoccupazioni: un improvviso e violento acquazzone, misto a grandinata, nel giro di breve tempo ha provocato non pochi problemi soprattutto a Cagliari. L’Adige resta un sorvegliato speciale c’ un avviso di allerta arancione nella Provincia Autonoma di Bolzano, sul Veneto centrale e sul settore costiero centro-settentrionale del Lazio. Valutata, inoltre, allerta gialla in Lombardia, nella Provincia Autonoma di Trento, sul resto del Veneto, in Friuli Venezia Giulia, sul settore orientale dell’Emilia-Romagna, su gran parte della Toscana, nelle Marche, in Umbria, sul resto del Lazio, in Abruzzo, in Molise, nel nord della Puglia, nella Sicilia settentrionale. A Venezia alle 22 e 35 di luned l’acqua alta dovrebbe avere un picco massimo di 95 centimetri. Siamo gi nel range dell’acqua alta (che scatta sopra gli 80 cm). Da tenere d’occhio.

31 agosto 2020 (modifica il 31 agosto 2020 | 10:22)

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Fonte


Potrebbe interessarti anche...