Molti non lo sanno ma si possono avere fino a 480 euro entro il 30 giugno con questo Bonus

Bonus da 480 euro in dirittura d’arrivo. C’è tempo fino al 30 giugno 2022 per richiedere un’agevolazione senza ISEE concessa sui pagamenti effettuati da bancomat e carta di credito. Ecco in cosa consiste e a chi spetta.

Dal prossimo luglio quota parte dei Bonus al momento in circolazione chiuderanno i battenti. La maggior parte dei quali voluti per tamponare la crisi economica causata dall’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Tra questi spicca un contributo pensato per gli esercenti titolari di Partita IVA allo scopo di incentivarli all’acquisto di particolari dispositivi obbligatori dal 1°luglio 2022. Già, perché dal prossimo mese tutti i titolari di Partita Iva dovranno dotarsi di specifici strumenti per permettere alla clientela il pagamento dei beni o servizi acquistati tramite moneta elettronica. 

Negli ultimi anni non sono mancati certamente gli aiuti concessi dal Governo ai cittadini, lavoratori, imprese e famiglie.

Basti pensare al vecchio Cashback di Stato, che offriva agli interessati il rimborso di una parte di denaro spesa negli acquisti effettuati con bancomat o qualsiasi tipo di carta elettronica. Un’iniziativa pensata per scoraggiare l’uso del contante e combattere l’evasione fiscale.

Non bisogna andare lontano nel tempo per ritrovare Bonus che rispondono a tale finalità. I 5.000 euro di spesa per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici detraibili in dichiarazione dei redditi, ad esempio, vanno pagati esclusivamente servendosi di strumenti di pagamento tracciabili. 

Qualsiasi spesa pagata mediante l’utilizzo del contante, infatti, comporta l’esclusione dal Bonus mobili ed elettrodomestici 2022. Lo stesso si può dire per altri contributi sempre introdotti dal Governo. 

Leggi anche:  Canone Rai, se non uso il televisore devo pagare lo stesso? La risposta sorprende

Dotarsi di strumenti che permettono alla propria clientela il pagamento tramite moneta elettronica (bancomat, carta di credito, carte di debito, prepagate) comporta però dei costi. Ecco perché l’esecutivo ha previsto l’introduzione di un’agevolazione come “sconto” sull’acquisto di particolari dispositivi a breve analizzati.

Come funziona il Bonus da 480 euro richiedibile entro fine mese

Come anticipato in apertura di articolo, il Bonus da 480 euro si concretizza in un aiuto economico da concedere agli esercenti che dovranno dotarsi dei terminali utili capaci di permettere le operazioni di pagamento tramite moneta elettronica.

Grazie alla misura, il Governo intende agevolare le spese di acquisto, noleggio, installazione di un POS e dei registratori di cassa smart in grado di trasmettere tutte le informazioni sulle operazioni di pagamento direttamente all’Agenzia delle Entrate.

La misura da subito etichettata come degna sostituta del Cashback di Stato è stata introdotta dal Governo lo scorso anno per poi essere prorogata al 2022 grazie alla recente Manovra di Bilancio.

Seppur simili nello scopo, sono differenti i beneficiari della misura. Mentre il Cashback di Stato agevolava i cittadini che effettuavano acquisti per mezzo di carte di pagamento, il bonus da 480 euro è rivolto esclusivamente agli esercenti titolari di Partita IVA.

Per meglio intenderci, solo gli esercenti attività d’imprese potranno contare sull’aiuto economico voluto per agevolare le spese d’acquisto dei dispositivi di lettura delle carte e delle casse smart.

Per essere ancora più precisi, tutti gli esercenti che devono acquistare/installare POS e registratori di cassa possono richiedere il Bonus da 480 euro in scadenza il 30 giugno 2022. 

Leggi anche:  Grande Fratello VIP 2021: dove vedere la puntata in diretta tv e streaming

E il guadagno non è solo economico: da una parte si risparmierà sulla spesa sostenuta per acquistare i dispositivi appena visti, dall’altra si evita di incorrere in pesanti multe considerato l’obbligo di possedere dal 1°luglio 2022 i dispositivi in questione.

Molti non lo sanno ma si possono avere fino a 480 euro entro il 30 giugno con questo Bonus

In verità, il Bonus da 480 euro si compone di due agevolazioni. Una servirà per ammortizzare le spese sostenute per dotarsi di un POS, l’altra per i registratori smart di cassa.

La prima delle due, ribattezzata anche “Bonus POS”, permette di ottenere uno “sconto massimo di 160 euro per acquistare o noleggiare un terminale che consenta il pagamento mediante strumenti tracciabili.

L’importo spettante varia in base al fatturato maturato nel precedente periodo d’imposta. Le attività con ricavi e compensi sotto i 200.000 euro annui riceveranno un rimborso pari al 70% delle spese sostenute per il POS.

La percentuale cala al 40% per le attività con ricavi e compensi entro un milione di euro, mentre alle imprese di maggiori dimensioni andrà un rimborso pari al 10% delle spese di noleggio o acquisto.

Un rimborso di 320 euro spetta invece alle imprese che acquistano dispositivi capaci di trasferire direttamente dati e informazioni memorizzate all’Agenzia delle Entrate. Questo è il tetto massimo di “sconto” previsto. Gli importi intermedi varieranno ancora una volta in forma percentuale.

I 320 euro di Bonus, ossia il rimborso al 100%, spetta alle imprese con fatturato sotto i 200.000 euro, il 70% entro 1 milione di euro. Alle grandi imprese (fatturato superiore al milione di euro) andrà solo il 40% del rimborso.

Leggi anche:  Elezioni 2021: per andare a votare ci vuole il green pass?

Come ottenerlo

Ottenere il Bonus da 480 euro è abbastanza semplice. Come prima cosa gli esercenti devono provvedere all’acquisto dei dispositivi suddetti (POS e registratori di cassa) entro il 30 giungo 2022. 

Il rimborso spetterà successivamente portando in detrazione la spesa sostenuta nella dichiarazione dei redditi, questo perché l’Agenzia delle Entrate concede il Bonus sotto forma di credito d’imposta.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook