Mps, tra gli azionisti spuntano Mediolanum e Tenax- Corriere.it

Mps tira le fila sull’aumento di capitale da 2,5 miliardi chiuso con una copertura al 96,3%, al di sopra delle aspettative. L’accollo per le banche garanti sar limitato al 3,7%, pari a 93 milioni. I diritti si sono trasformati in un controvalore azionario di 58,9 milioni. E a sorpresa tra chi ha scommesso su Siena e sul piano del ceo Luigi Lovaglio sono spuntati anche Mediolanum con 10 milioni tramite le sgr del gruppo e Tenax Capital con 5, quote significative dell’impegno degli investitori italiani, non solo di sistema ma anche di mercato. I diritti inoptati non esercitati sono stati cos allocati agli investitori con sub-garanzia per circa 475 milioni (Axa, Dumont, Nexi, Pignataro, Algebris e altri) pi 25 milioni da altri investitori.

Le banche garanti

Diventeranno cos azioniste le otto banche garanti — con i capofila Mediobanca, Credit Suisse, BofA, Citi, Credit Suisse, e i bookrunner SocGen, Sitfel, Santander, Barclays, pi Algebris. La nuova Mps (il titolo ha chiuso a -5,4%) vedr il Mef al 64,2%, i vecchi azionisti di mercato al 10%, gli investitori chiave attorno al 20% (di cui Axa con l’8%), Fondazioni e Casse a circa il 4% e le banche sotto il 4% ma destinate a valorizzare le loro azioni, anche nel breve.

Leggi anche:  Che fine fa Don Matteo nella nuova stagione?

Il piano del ceo Lovaglio

L’azionariato che esce dall’aumento assicurer all’amministratore delegato Luigi Lovaglio, artefice del successo di un’operazione difficile, stabilit e lungimiranza, permettendogli di dedicarsi alla realizzazione di un piano industriale che promette un utile pre-imposte di 700 milioni nel 2024 e di traghettare il Monte verso quella sospirata fusione che dovrebbe risolvere una volte per i problemi della banca, da un decennio tallone d’Achille del credito italiano.

I soci

In filigrana, a fianco del Mef, socio di controllo con il 64,2% del capitale, un 10% circa sar in mano ai partner industriali: Axa con quasi l’8%, Anima con circa l’1% e Nexi con lo 0,8%. Fondazioni e Casse previdenziali, mobilitate dal Mef per ridurre l’accollo delle banche, dovrebbero aver raccolto complessivamente il 4-5%. Alla Ion di Andrea Pignataro, proprietaria di Cedacri e Cerved, provider di dati e software per banche, dovrebbe essere andato un altro 2% circa a fronte di un investimento sui 50 milioni, mentre quote nell’ordine dell’1% dovrebbero restare in capo ad Algebris e all’imprenditore Denis Dumont, gi compagni di viaggio di Lovaglio ai tempi del Creval. Grazie ai 2,5 miliardi incassati il banchiere potr finanziare l’uscita di oltre 4 mila dipendenti entro il 30 novembre, beneficiando di una riduzione della base dei costi di oltre 300 milioni su base annua gi a partire dal 2023, con cui rilanciare la redditivit della banca, che beneficer anche del rialzo dei tassi.

Leggi anche:  Anticipazioni Tempesta d’amore settimana 18-24 luglio 2022

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Achille Lauro nel cast della seconda stagione di Celebrity Hunted – Caccia all’uomo

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News