Napoli, arrestati narcos con il reddito di cittadinanza: a guidarli i feritori della piccola Noemi

Napoli, blitz della Guardia di finanza: sgominata una banda di narcotrafficanti, dieci arresti in totale (otto in carcere, uno ai domiciliari e uno con obbligo di dimora). Tre degli arrestati percepivano anche il reddito di cittadinanza. A guidare la banda i fratelli Armando e Antonio Del Re, già in carcere per l’agguato del 3 maggio 2019 in piazza Nazionale, in cui rimase ferita la piccola Noemi.

 

Leggi anche > Vittoria, annegata a 5 anni: disposta l’autopsia. I bagnini: «Noi in pausa pranzo? C’è sempre qualcuno»

 

Napoli, i narcos guidati dai feritori di Noemi

La banda di narcos sgominata dalla Guardia di finanza era guidata dai fratelli Armando e Antonio Del Re. I due sono detenuti in carcere in quanto ritenuti responsabili del raid ai danni di un loro rivale, Salvatore Nurcaro (ritenuto legato al clan Reale), scattato per questioni inerenti alla gestione delle piazze di spaccio. In quel raid rimase gravemente ferita dalle pallottole vaganti esplose da Armando la piccola Noemi e, più lievemente, la nonna. 
Grazie all’attività di intercettazione dei finanzieri del Gico-Goa di Napoli (sezione Gruppo Operativo Antidroga) avviata nel mese di marzo del 2019 nell’ambito di queste indagini antidroga, furono individuati, in tempi rapidissimi, i responsabili dell’agguato avvenuto a maggio in piazza Nazionale, a Napoli, che sarebbe potuto costare la vita alla piccola Noemi. Nelle conversazioni captate dagli investigatori della Guardia di Finanza, al lavoro per incastrare i narcotrafficanti presi oggi, emersero chiari riferimenti all’agguato e gravi indizi circa le responsabilità in quella vicenda dei fratelli Del Re (Armando, detto «à pacchiana», e il fratello Antonio) risultati collegati alla malavita organizzata del quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio.

Leggi anche:  USA, vendite al dettaglio maggio - 0,3% su mese

 

Napoli, sgominata una delle bande di narcos più potenti

Quelle informazioni, sviluppate nell’arco di appena 40 giorni, in sostanza, consentirono agli inquirenti di individuare i due responsabili dell’agguato (i fratelli Del Re, poi sottoposti a fermo) e anche gli altri otto soggetti oggi destinatari delle misure cautelari. L’organizzazione criminale capeggiata dai fratelli Del Re, secondo la Dda, era una delle più attive nel traffico di stupefacenti nelle principali piazze di spaccio di Napoli e provincia. I rifornimenti avvenivano attraverso autovetture dotate di doppifondi. I successivi approfondimenti investigativi hanno portato anche al sequestro di oltre 3 chilogrammi di hashish e alla ricostruzione di linee di forniture di stupefacenti a favore di un sottogruppo operante a Cattolica, in Emilia Romagna.

Leggi anche:  Regina Elisabetta II, lutto per la sovrana: era il suo preferito

 

Napoli, i narcos con il reddito di cittadinanza

Tre dei dieci destinatari delle misure cautelari notificate oggi dalla Guardia di Finanza in quanto ritenuti dalla Dda di Napoli appartenenti a una banda di narcotrafficanti, percepivano anche il reddito di cittadinanza. Il sostegno, fino a poco tempo fa, veniva intascato anche dai restanti indagati. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 13 Giugno 2022, 14:05

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Bonus 200 euro, importanti novità dall'Inps: domande al via, il modulo da scaricare

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook