‘Ndrangheta, la Spumador in amministrazione giudiziaria: ‘Dirigenti assoggettati ai clan’

Un anno di amministrazione giudiziaria perché – attraverso “reiterate condotte estorsive” con metodo mafioso – alcuni uomini di ‘ndrangheta erano riusciti ad “assoggettare” dirigenti e dipendenti al loro “volere”. Per i giudici della Sezione autonoma misure di prevenzione del Tribunale di Milano la Spumador, storica azienda comasca di bevande gassate, stava vivendo una “grave situazione di infiltrazione mafiosa” almeno dal 2018 e ancora “perdurante”. Il nome della società comasca – fatturato da 200 milioni di euro all’anno – era comparso in una maxi-inchiesta della Dda di Milano, coordinata dai pm Sara Ombra e Pasquale Addesso, che nel novembre 2021 portò a 54 arresti.

Per la prima volta la Sezione misure di prevenzione del Tribunale ha preso questo tipo di decisione nei confronti di un’azienda che è stata sì vittima delle intimidazioni dei clan, ma che, anche dopo gli arresti di fine novembre, avrebbe continuato ad avere rapporti contrattuali “con ulteriori soggetti, a loro volta legati” agli arrestati. Una delle società riconducibili a soggetti vicini agli arrestati che proprio da novembre in poi ha avuto un “aumento esponenziale” degli importi fatturati alla Spumador.

Leggi anche:  Napoli - Juventus alle 18 diretta LIVE: probabili formazioni e dove vederla in tv e streaming

Secondo i giudici Roia, Tallarida e Pontani, tra il 2018 e il novembre 2021 (data degli arresti) c’è stato un “totale assoggettamento” di Spumador alle “pretese estorsive avanzate dagli esponenti della famiglia Salerni con modalità tipicamente mafiose”. E la “direzione della società” sarebbe stata “pienamente consapevole”, ma per lungo tempo è “rimasta inerte”. Adesso l’amministratore giudiziario Alberto Dello Strologo, si legge nel decreto che ha disposto l’amministrazione, dovrà “analizzare i contratti in corso nel precipuo settore di infiltrazione”, il trasporto merci, da parte della ‘ndrangheta e “a rimuovere” quei rapporti con persone legate direttamente o indirettamente alle cosche.

Come era già emerso mesi fa dagli atti, Attilio Salerni, col fratello Antonio, due dei fermati a novembre nella tranche lombarda dell’indagine, sarebbero stati gli esecutori materiali “di violenze e minacce nei confronti dei dirigenti” della Spumador. Attraverso intimidazioni i due avrebbero acquisito “il controllo e la gestione delle commesse di trasporto ‘conto terzi’” dell’azienda comasca “per il tramite di Sea Trasporti”, società a loro riconducibile. E avrebbero partecipato “al ‘cartello’ di imprese”, insieme anche alle famiglie della ‘ndrangheta Palmieri e Stillitano, con le quali avrebbero monopolizzato “le commesse di Spumador” utilizzando pure altre due aziende e “continuando a ripartire i profitti complessivamente ottenuti (dal 2015 al 2019)” di oltre 1,1 milioni di euro.

Leggi anche:  Chef Caliri a Taobuk: 'Basta scomporre cannoli e cibo fake, in cucina serve verità'

“Faccio 400mila euro all’anno (…) ho chiuso con 4 milioni e 8 … di fatturato … stavo arrivando a 5 milioni”, così parlava Salerni nel maggio 2020 mentre era intercettato. Parole che per i giudici evidenziano il “suo ruolo di forza all’interno di Spumador” nel “monopolio” delle commesse, anche attraverso “‘padroncini’ fatti entrare da lui, garantendogli un considerevole aumento di fatturato”. Tramite le intercettazioni e le testimonianze di dirigenti e dipendenti, i giudici hanno accertato una “oggettiva agevolazione” da parte di Spumador “in favore” di presunti affiliati alla ‘ndrangheta, che ricorrevano sistematicamente “all’intimidazione e alla violenza fisica”, instaurando così un “grave regime di sopraffazione” nei confronti della stessa azienda.

Si va dal “guarda che adesso vengo lì e sparo” all’”accendiamo un po’ di fuoco a uno là”, dal “gli devo far passare un brutto quarto d’ora” al “gli faccio una faccia quanto un pallone”. Nel decreto i giudici dedicano un ampio capitolo agli “episodi estorsivi ai danni di Spumador” partendo dalla denuncia di quattro anni fa dei vertici della azienda in cui si parlava di “comportamenti intimidatori” e di aggressioni fisiche, come quella a un magazziniere, da parte dei fratelli Salerni, per “ottenere l’assegnazione di alcune tratte a discapito” di altre ditte concorrenti. “Si tratta – scriveva l’ad della Spumador – di minacce di morte e di fare stragi all’interno dell’ufficio”.

Leggi anche:  Bonus e ristori, scattano i controlli dell'Agenzia delle Entrate

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook