nuovi provvedimenti contro Iren, E.On, Dolomiti e Iberdrola- Corriere.it

L’Antitrust passa all’azione nei confronti delle quattro societ energetiche contro le quale ha aperto un’istruttoria il 19 ottobre per presunte modifiche unilaterali illegittime del prezzo di fornitura di luce e gas per i clienti del mercato libero, vale a dire le italiane Iren e Dolomiti, la spagnola Iberdrola e la tedesca E.On. E questo perch, dopo aver avviato le istruttorie per accertare l’esistenza di una pratica scorretta e rappresentato le correlate esigenze cautelari, nessuna delle imprese ha adeguatamente giustificato la propria condotta, n ha ritenuto di modificarla, persistendo per tutte, dunque, le esigenze cautelari. La norma introdotta con il decreto Aiuti bis ad agosto e in vigore fino al 30 aprile 2023 sospende l’efficacia sia delle clausole contrattuali che consentono alle societ di vendita di modificare il prezzo di fornitura sia dei preavvisi gi inviati alla clientela, salvo che le modifiche si siano perfezionate prima dell’entrata in vigore del decreto stesso.

In particolare, scrive l’Autorit Garante della Concorrenza e del Mercato, Iberdrola ed E.On hanno comunicato agli utenti la risoluzione del contratto di fornitura per eccessiva onerosit sopravvenuta, indebitamente condizionando i consumatori ad accettare un nuovo contratto a condizioni economiche ben peggiori ovvero a passare a forniture alternative. Dolomiti ha impropriamente ritenuto valide le comunicazioni di modifica unilaterale del prezzo di fornitura inviate prima dell’entrata in vigore del Decreto Aiuti bis (10 agosto 2022), mentre la norma fa salve solo le modifiche unilaterali perfezionate ovvero effettivamente applicate prima della stessa data. Iren ha indebitamente comunicato alla clientela la scadenza delle offerte a prezzo fisso per applicare nuove e peggiorative condizioni di fornitura, sostituendo le precedenti comunicazioni di modifica unilaterale delle condizioni economiche con nuove comunicazioni parimenti vietate dal Decreto Aiuti bis.

Leggi anche:  Come arredare con gusto un appartamento in affitto con delle idee geniali e un budget ridotto

Per questi motivi l’Autorit ha disposto nei confronti di Iberdrola e di E.On l’obbligo di applicare le originarie condizioni di offerta a favore dei consumatori che hanno sottoscritto nuovi contratti a condizioni peggiorative; di consentire di ritornare in fornitura alle originarie condizioni ai consumatori che, a seguito della risoluzione, hanno scelto un nuovo fornitore o sono stati trasferiti alla fornitura in regime di salvaguardia; nei confronti di Dolomiti e di Iren, la sospensione delle illegittime comunicazioni di modifica unilaterale delle condizioni economiche di offerta mantenendo, fino al 30 aprile 2023, il prezzo di fornitura applicato in data precedente al 10 agosto; nei confronti delle quattro societ, l’obbligo di informare i consumatori, individualmente e con la stessa modalit adottata in precedenza, sull’inefficacia delle comunicazioni inviate e sulle misure cautelari. Dunque, in un momento di caro-energia, con le bollette ai massimi di sempre (ma che potrebbero scendere a breve), questo provvedimento serve a non farle aumentare ancora di pi.

Leggi anche:  GF Vip, bomba di Giacomo Urtis: è stato con un uomo famoso finito in carcere, chi è?

Le associazioni dei consumatori hanno accolto con favore le misure. Avevamo, depositato un secondo esposto chiedendo venissero adottati subito anche i provvedimenti cautelari per evitare danni enormi ai consumatori – ha commentato Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori – . Se infatti le modifiche illegittime fossero state ugualmente applicate i clienti si sarebbero trovati bollette abnormi con prezzi stratosferici rispetto a quelli che stavano pagando . Ricordiamo ai consumatori che tutte le comunicazioni mandate ai consumatori, a partire dal 1 maggio 2022 sono inefficaci e la variazione contrattuale con il conseguente rincaro illegittimo, in violazione dell’art..3 del decreto legge 9 agosto 2022, n. 115, ora convertito dalla Legge n. 142 del 21-09-2022. Li invitiamo, quindi, a contestare ogni variazione e a segnalarci ogni abuso.

Leggi anche:  Grande Fratello Vip 6, ecco come e dove vedere la replica dell’ultima puntata

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News