Nuovo Reddito di Solidarietà 2023 fino a 650 euro a famiglia con ISEE basso: come funziona

Nuovo Reddito di Solidarietà 2023 fino a 650 euro a famiglia con ISEE basso: come funziona

Nel caos della crisi di Governo e soprattutto nel momento in cui si cerca una nuova maggioranza che possa sostenere un nuovo Governo, torna alla ribalta la proposta avanzata un po’ di tempo fa dalla leader di Fratelli D’Italia, Giorgia Meloni. Anziché il reddito di cittadinanza, sarebbe opportuno introdurre il nuovo Reddito di Solidarietà 2023, un assegno fino a 650 euro a famiglia solo con ISEE basso.

Ma come funziona? Il progetto è già ben delineato: un assegno da 400 euro minimi, ai quali si aggiungerebbero ulteriori 250 euro per le famiglie con figli o con disabili a carico. 

Ma quali sono i requisiti e i limiti ISEE per accedere al Reddito di Solidarietà 2023? In attesa di conoscere i risultati del voto del 25 settembre prossimo, i sondaggi politici hanno ben chiara la situazione: chi sarà il nuovo premier?

Ecco da quando potrebbe arrivare il nuovo Reddito di Solidarietà 2023: a chi spetterebbe, quali sono i requisiti e da quando potrebbe entrare in vigore la misura.

Nuovo Reddito di Solidarietà 2023: cos’è e come funziona

Ancora prima di conoscere i risultati delle urne, le forze politiche iniziano a presentare i programmi e i margini di azione per i prossimi mesi: per esempio, Giorgia Meloni, in una conferenza stampa di alcuni mesi fa, aveva delineato alcune nuove proposte, avanzando anche alcuni emendamenti alla Legge di Bilancio (rimasti fini a se stessi). 

In sostituzione al reddito di cittadinanza, secondo al leader di Fratelli d’Italia, si potrebbe pensare di introdurre il nuovo Reddito di Solidarietà 2023: ma che cos’è e come funziona?

Leggi anche:  Le adozioni fatte all'estero da coppie gay devono essere riconosciute anche in Italia: la sentenza della Cassazione

Grazie al Reddito di Solidarietà 2023, le famiglie che si trovano in difficoltà economica, che sono prive di reddito da lavoro, al cui interno si trovano persone over 60, figli minorenni o disabili a carico potrebbero ricevere un assegno fino a 650 euro solo con ISEE basso.

In sostanza, l’assegno di solidarietà o Reddito di Solidarietà potrebbe concretizzarsi nel 2023, in sostituzione al sussidio grillino: i fondi per finanziare la nuova misura, infatti, potrebbero essere gli stessi previsti per il finanziamento del reddito di cittadinanza fino al 2029.

Nuovo Reddito di Solidarietà 2023 fino a 650 euro a famiglia con ISEE basso

Veniamo ora alle nozioni più dettagliate di questo nuovo Reddito di Solidarietà fino a 650 euro a famiglia, ma solo con ISEE sotto i 15.000 euro. Non tutti – in realtà – potranno ottenere il beneficio.

Le linee guida della nuova proposta di Fratelli d’Italia parlano di un nuovo sostegno per le famiglie che si trovano in difficoltà economica e in condizioni di disagio sociale.

Possono ottenere il beneficio, quindi, i nuclei familiari al cui interno di trovano persone con un’età superiore a 60 anni, nuclei familiari con figli minorenni a carico, oppure famiglie che accolgono un disabile al loro interno.

Esistono poi degli specifici limiti reddituali, ISEE, patrimoniali e sociali da soddisfare per poter ottenere l’ipotetico Reddito di Solidarietà 2023: quali sono? Scopriamoli nel dettaglio nel prossimo paragrafo.

Leggi anche:  Unige, da domani via alle domande per le borse di studio

Nuovo Reddito di Solidarietà 2023: quali sono i requisiti

Quali sono i requisiti del Reddito di Solidarietà 2023? In realtà al momento possiamo parlare solo di ipotesi e piani non concreti, ma siamo già in grado di definire con abbastanza chiarezza quali potrebbero essere i beneficiari del nuovo sussidio promosso da Giorgia Meloni.

Per poter ottenere il Reddito di Solidarietà 2023, un assegno fino a 650 euro a famiglia, quindi, occorre soddisfare i seguenti requisiti:

  • non possedere alcun altro reddito familiare;
  • possedere un patrimonio mobiliare massimo di 10.000 euro;
  • essere titolari di un solo immobile (non di lusso);
  • aver dichiarato un ISEE corrente inferiore a 15.000 euro.

È poi necessario possedere la residenza in Italia da almeno 10 anni per poter ottenere il nuovo contributo economico promosso da FdI.

Nuovo Reddito di Solidarietà 2023: quali sono gli importi

Veniamo ora agli importi del nuovo Reddito di Solidarietà 2023: quando spetta ad ogni famiglia? 

Le previsioni parlano di un assegno di base da 400 euro per ogni nucleo familiare, al quale si possono poi aggiungere fino a 250 euro per ogni ulteriore componente over 60, minorenne o disabile a carico della famiglia stessa.

Il beneficio dovrebbe essere erogato per un periodo massimo di 12 mesi esclusivamente ai cittadini italiani o europei, oppure a coloro che possiedono al residenza in Italia – come detto – da almeno 10 anni.

Nuovo Reddito di Solidarietà 2023: quando arriva

Per il momento non ci sono novità in arrivo, ma a decidere le sorti del possibile nuovo Reddito di Solidarietà 2023 saranno le urne.

Leggi anche:  La lettera a Draghi è il programma elettorale del capo partito Conte

Se dovesse prevalere una maggioranza al cui interno trovi spazio anche Fratelli d’Italia, la proposta potrebbe concretizzarsi dal prossimo anno. In caso contrario, rimarrebbe un’idea sulla carta.

Tutto ciò però, è importante per comprendere che, come prevede anche la nostra Costituzione, se dovesse essere cancellato l’attuale sussidio grillino, dovrebbe essere comunque introdotto un nuovo sostegno per gli indigenti. Se approvato, potrebbe trattarsi del nuovo Reddito di Solidarietà 2023. 

Lo scopriremo solo dopo il voto del 25 settembre 2022…

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook