O un vero governo Draghi, oppure meglio il voto subito

E così il governo Draghi che a parole, sei mesi fa, tutti volevano salvare perché indispensabile per il paese è ora appeso a un filo. Gli stessi partiti che dicevano di voler tenere Mario Draghi a palazzo Chigi, invece di eleggerlo al Quirinale, oggi si impegnano per renderlo impotente o umiliarlo.

I Cinque stelle prima hanno cercato distinzioni sulla politica internazionale comprensibili solo a loro (cosa voleva esattamente Giuseppe Conte? Boh), poi  si sono inventati un programma economico che avrebbero potuto attuare nell’arco di una legislatura, ma non l’hanno fatto e ora chiedono a Draghi di imporlo agli altri partiti.

Matteo Salvini cerca di salvare la sua leadership della Lega, nonostante i disastri, trascinando il governo in battaglie che non sono di sua competenza, quelle parlamentari sullo Ius scholae e la cannabis: al massimo riuscirà a privare il Pd anche di questi risultati simbolici. Ma Draghi poco c’entra con queste questioni che occupano solo Camera e Senato.

Leggi anche:  Maggio in…forma per la prevenzione del tumore al seno

L’eterno Silvio Berlusconi riappare e cerca di accelerare il confronto nella maggioranza, non si sa se nel tentativo di ricordare agli elettori che Forza Italia ancora presidia il centro (destra) a difesa di Draghi o per accelerarne la caduta.

Di sicuro c’è che Draghi non ha il mandato per sopravvivere e portare a termine la legislatura, ma per fare le riforme necessarie al Pnrr e combattere una pandemia che non è affatto finita, nonostante la scomparsa delle restrizioni e dell’annesso ministro della Salute Roberto Speranza.

Quindi può benissimo gestire alcuni dossier caldi, come il salario minimo, sul quale molti sono d’accordo in via di principio e mancano solo i dettagli, ma non può certo scambiare la sopravvivenza del suo esecutivo con il falò di altri miliardi a sostegno dei bonus edilizi.

Leggi anche:  “Chi ha incastrato Bob Hoskins?”: ascesa di una stella inglese

I Cinque stelle che predicano la redistribuzione hanno favorito l’ennesima misura a difesa della rendita immobiliare, sono diventati il partito delle villette e delle seconde case, invece che continuare il ripensamento in chiave universalistica del welfare avviato con il reddito di cittadinanza.

Draghi ha già detto a quali condizioni è disposto a fare il premier: medesima maggioranza e programma sensato, che nell’immediato vuol dire evitare scostamenti di bilancio e una chiara lista di priorità, che in cima ha il Covid, l’inflazione e il Pnrr. Di spazio per le ennesime mancette a partiti in fibrillazione elettorale non ce n’è.

O continua il governo Draghi alle condizioni fissate dal premier e dal presidente Sergio Mattarella, o meglio andare subito al voto: con elezioni a ottobre e una chiara maggioranza, fondata su impegni precisi con gli elettori, di tempo per fare una legge di Bilancio entro il 31 dicembre ce n’è eccome.

Leggi anche:  Draghi non si è dimesso: 'Riflette'. Alle 18.15 il Consiglio dei ministri. Dietrofront M5S: 'Pronti a votare fiducia'

© Riproduzione riservata

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook