Pd, Valente ricandidata a Napoli al Senato: sfido destra pericolosa

Sabato 20 agosto 2022 – 10:50

Pd, Valente ricandidata a Napoli al Senato: sfido destra pericolosa

‘Ignoti ancora i miei avversari: si sceglie fra due visioni contrapposte del Mezzogiorno

Roma, 20 ago. (askanews) – “Ci siamo, ho firmato oggi la candidatura per il Partito Democratico al Senato. La sfida che si profila il 25 settembre è quella tra due visioni contrapposte del futuro del Mezzogiorno e dell’Italia e per questo sarà una battaglia tanto dura quanto avvincente, per la quale chiedo tutto il vostro aiuto. Sono orgogliosa di rappresentare il Pd nella mia città, Napoli, dove ancora non sono noti i candidati della destra e dove voglio vincere. Abbiamo di fronte la destra insidiosa e reazionaria di Giorgia Meloni”. Lo annuncia la presidente uscente della commissione sul contrasto alla violenza alle donne e al femminicidio Valeria Valente, ricandidata al Senato a Napoli.

“Oltre a essere a rischio i diritti delle donne e il ruolo dell’Italia in Europa – dichiara Valente- è in pericolo l’attuazione del Pnrr che per il Mezzogiorno è fondamentale. Mentre Fdi vuole rimettere in discussione tutto il piano di rilancio del nostro Paese, il Pd ha l’obiettivo di ottenere che il 40 per cento delle risorse europee siano davvero destinate al Sud, per le infrastrutture, la transizione ecologica, l’agricoltura, il turismo e per il lavoro, dei giovani e delle donne in particolare. E’ un’occasione storica che non possiamo assolutamente perdere”.


“L’autonomia differenziata che propone la destra – afferma ancora- è un tragico errore, una sorta di secessione “leggera”. Dopo aver fatto cadere il governo Draghi che stava facendo bene, Fdi è concentrata al centro, la Lega al Nord, Fi ha perso le sue forze migliori. Vogliono la flat tax che arricchisce i ricchi e impoverisce i poveri, vogliono lasciare il Sud al suo destino, in programma hanno solo il Ponte sullo Stretto. Noi non lo permetteremo, perché crediamo che colmare il divario economico tra Nord e Sud sia una leva preziosa per lo sviluppo di tutto il Paese”.

“Il Pd – conclude- punta a garantire la quattordicesima alle lavoratrici e ai lavoratori che hanno perso potere d’acquisto, a tagliare il costo del lavoro, a rilanciare l’occupazione e i servizi, a introdurre il salario minimo contro il lavoro povero, a combattere la precarietà, a mantenere il reddito di cittadinanza correggendo la misura lì dove necessario, a investire sulla scuola e sugli stipendi degli insegnanti, a puntare sui giovani e sulle donne.Per noi è importante la sicurezza delle cittadini e dei cittadini, non a chiacchiere ma con i fatti. Vogliamo investire sulle forze dell’ordine, continuare la battaglia contro la criminalità organizzata, migliorare la qualità della vita delle persone nelle città, a partire da Napoli capitale indiscussa della cultura.Per realizzare tutto questo serve un voto alla coalizione di centrosinistra, un voto al Pd, un voto alle forze democratiche e progressiste del Paese.Insieme si può”.


Leggi anche:  Aperte le iscrizioni per la Scuola Teologica Diocesana San Secondo: le lezioni prenderanno il via il 13 ottobre

CONDIVIDI SU:


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Leggi anche:  Nel 2021 a Modena scoperti 36 evasori totali, 55 milioni di iva sottratta